Cerca nel sito
Spagna Isole Baleari shopping

Souvenir dalle Baleari, 5 cose imperdibili da comprare

Artigianato e gastronomia meritano di divenire memorabili souvenir da mettere in valigia

Statuine Siurells, Maiorca
Courtesy of©Jeanne Emmel/iStock
Statuine Siurells, Maiorca
C’è chi le predilige in estate per fare la spola tra spiagge mozzafiato e locali modaioli e chi, invece, va controcorrente e le prende di mira lontano dall’esodo del turismo di massa: le Baleari, a prescindere dalla stagione, sono una destinazione entusiasmante. Le isole che compongono l'arcipelago, infatti, sanno stupire e incuriosire non solo con location da cartolina ma anche con la loro ricca storia e con le perle dell'artigianato. Oggetti insoliti possono infatti divenire una curiosa idea regalo che va a prendere il posto del solito e banale souvenir. Da Ibiza a Minorca passando per Maiorca e Formentera, ecco scarpe, dolci, tessuti e tante altre simpatiche idee per regalarsi o regalare un qualcosa di originale.
 
1. LAS AVARCAS
La parola scarpa, alla sola pronuncia, fa battere il cuore a ogni donna. Se si ha voglia di qualcosa di unico e artigianale, a Minorca è possibile familiarizzare con le avarcas o albarcas, calzature rustiche che, nel giro di poco tempo, hanno fatto il giro del mondo divenendo un vero trend. In origine vennero realizzate al fine di facilitare la vita degli agricoltori alle prese con il terreno pietroso di Minorca. A caratterizzarle è una suola di gomma e i lacci in cuoio necessari per fissare i sandali alla caviglia e al collo del piede. Al fine di farsi un’idea, basta visitare il Centre Artesanal de Menorca a Es Mercadal al cui interno è possibile trovare tanto un’esposizione permanente quanto mostre temporanee che esaltano i prodotti dell'isola. Non solo: c'è anche una sala di lettura e un negozio in cui trovare souvenir home made la cui autenticità è certificata dal marchio di garanzia "Artesania de Menorca".
 
2. SIURELLS
La lavorazione manuale dell’argilla e della ceramica rappresenta una delle forme di artigianato più antiche delle Baleari. A dimostrarlo sono i siurells, ovvero degli omini realizzati in argilla sbiancata con calce e poi decorati con vari motivi geometrici colorati, un souvenir molto popolare a Maiorca, un simpatico oggetto in ceramica da tenere in casa. Dove si trova? Vale la pena fare un giro al Sineu Market.
 
3. HIERBAS IBICENCAS 
La cucina è in grado di regalare belle soddisfazioni. Avete mai sentito parlare dell'ensaimada di Maiorca? Trattasi di un pane dolce impreziosito da zucchero a velo sulla superficie e da un ripieno a base di marmellata di zucca. Questa delizia venne definita dallo scrittore Josep Plá come "la cosa più leggera, aerea e delicata della pasticceria di questo Paese". E che dire poi del Gin di Mahón e del Liquore di erbe Hierbas Ibicencas? Queste bevande alcoliche, tipiche di Ibiza, si ottengono dall’estrazione degli aromi di diverse piante mediterranee come il rosmarino, il timo, la menta, il ginepro, la salvia, il finocchio, la lavanda, la camomilla, il limoncino e dalle foglie e bucce di limone e arancio. Oggi come ieri, questi liquori si producono ancora attenendosi alle tecniche tradizionali.
 
4. TELE IKTAT
I tessuti sono belli da indossare ma anche da contemplare. Lo dimostrano le teles Ikat o Roba de llengües (tele di lingue) ovvero stoffe tinte a mano, e decorate con disegni discontinui dai colori molto vivaci, con cui vengono realizzati asciugamani, tende e altri articoli di biancheria per la casa. Il processo di elaborazione è lungo, complesso e totalmente artigianale, portato avanti secondo antiche tecniche. Chi è in visita a Mallorca può fare tappa da Teixits Vicens, a Pollença, una fabbrica di tessuti artigianali (a conduzione familiare) al cui interno è possibile visitare il laboratorio in cui gli artigiani producono i loro capolavori. Qualora qualche pezzo incuriosisse, perché non portarlo a casa? Nello shop è possibile fare acquisti: si va dalle tovaglie ai cuscini, dai copriletto ai vestiti etc.
 
5. ABBIGLIAMENTO ADLIB
Chi conosce Ibiza lo sa bene: la Isla Bonita è una vera passerella. Facendo un passo indietro nel tempo, si torna agli anni ’70, periodo in cui la principessa jugoslava Smilja Mihailovitch diede vita alla moda adlib mossa dal desiderio di sollecitare le donne ad avere piena consapevolezza del proprio corpo ergo di liberarsi di abiti castigati per indossare soluzioni più comode senza perdere in eleganza. Questi vestiti, bianchi e candidi, sono diventati un must, tanto a Ibiza quanto a Formentera. Vale la pena prevedere una tappa al mercatino hippy, come quello di Las Dalias Hippy Market (Ibiza), per riportare a casa un souvenir decisamente fashion.
 
Saperne di più su SHOPPING
Correlati per territorio
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100