Cerca nel sito
Scheda Libia
Courtesy of © Libia.it
Libia
La Libia ha due anime, una di sabbia, l'altra di pietra: il deserto e le rovine delle antiche città della Cirenaica e Tripolitania. Si tratta, in entrambi i casi, di tesori che per lungo tempo il paese ha tenuto nascosti, suo malgrado, affrontando dieci anni di embargo, di isolamento ma anche di protezione, dal punto di vista ambientale, di intere aree naturalistiche sconosciute al turismo di massa. Proprio in questo estremo angolo dell'Africa Settentrionale, aperto sul Mediterraneo e chiuso all'interno dalle meravigliose dune del Fezzan, ci si può ancora meravigliare, osservando le mosse di un paese che rinasce, che cambia, e destinato a uno sviluppo inesorabile. Inesorabile perché, come ogni progresso, porta con sé l'addomesticamento e, se vogliamo, la civilizzazione. Il patrimonio libico, umano e naturalistico, è quanto si può scoprire con un viaggio nel Fezzan, l'estrema regione sud occidentale della Libia al confine con l'Algeria, spingendosi sino a Gadames, l'oasi del mito, la perla del deserto dichiarata dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità. Tra innumerevoli uadi, letti prosciugati delle vie d'acqua preistoriche, si attraversa l'Acacus, sapiente alchimia naturale di sabbia e roccia. Rocce con segni di vita preistorica. Tutto parla, pur nell'assoluto silenzio. Separato dalla barriera naturale delle dune dell'erg di Uan Kaza, l'"altopiano nero" del Messak Settafet, l'arido deserto pietroso che regala scenari fantascientifici con le sue "montagne dipinte" dall'estro primitivo degli antichi artisti sahariani. Vere e proprie gallerie d'arte a cielo aperto, con incisioni e graffiti, scene di vita quotidiana risalenti da 10.000 a più di 500 anni fa, testimonianze di quanta vita è passata e si è trasformata nel deserto. Almeno 4 i periodi riconosciuti. Il più difficoltoso da datare è il periodo delle "teste rotonde" con figure umanoidi, che fa addirittura ipotizzare che in un lontano passato gli extraterrestri siano passati di lì. Lungo la costa che si affaccia sul Mediterraneo è invece possibile ritrovare tutta la spettacolarità di rovine che rievocano epiche battaglie da manuale di storia. Le rovine degli insediamenti fenicio-punico-romani in Tripolitania e greco-alessandrini-romani in Cirenaica sono i più imponenti dell'intero Mediterraneo. Bengasi, il capoluogo della Cirenaica, ha il fascino un po' decadente di una città superstite. Macerie di guerra si alternano agli ori luccicanti delle vetrine del suq. Le antiche città portuali di Apollonia e Cirene, opulente e raffinate, giungono a noi quasi integre e l'intimità di questi luoghi ancora poco battuti da folle di turisti, restituiscono agli appassionati non solo la bellezza di rovine, statue di divinità, anfiteatri sul mare, terme scavate nella roccia, ma anche il lusso del silenzio. In ogni caso punto di arrivo e di partenza per qualsiasi itinerario è la città di Tripoli. Metropoli di estremi contrasti, con una medina molto antica dove ogni giorno si svolge il tradizionale suk delle spezie, Tripoli ospita l'unico albergo extra lusso di tutto il paese.
Articoli correlati:
  • Viaggio nel mondo del cous cous
    iStock

    Viaggio nel mondo del cous cous

    Il piatto tradizionale del Nordafrica ha origini berbere. In Libia viene preparato con carne d'agnello
  • Libia, l'oasi dei datteri
    ©Federica Leone a/ UNESCO/WHC

    Libia, l'oasi dei datteri

    Ghadames è una delle più belle e importanti oasi del Sahara, luogo affascinante dove assaporare tè caldo alla menta e i migliori datteri della Libia
  • Libia, avventure nel deserto
    @I Viaggi di Maurizio Levi

    Libia, avventure nel deserto

    Per gli spiriti intrepidi che amano l'avventura e sono sensibili al fascino dei luoghi ancora inesplorati un'emozionante proposta arriva dal deserto libico.
  • Il deserto della Libia alla portata di tutti
    ©I Viaggi di Maurizio Levi

    Il deserto della Libia alla portata di tutti

    Pensare ad un viaggio nel deserto non vuol dire rinunciare alle comodità: nel Fezzan libico si trovano un albergo di standard europeo e un campo tendato fisso dotato di ogni comfort.
  • La sposa del Mediterraneo
    courtesy of ©Cecilia Martino

    La sposa del Mediterraneo

    E' l'ideale anello di congiunzione tra l'Europa e il Medio Oriente. E' sospesa tra il piacere del lusso e il fascino dell'etnico. E' Tripoli, la storica capitale della Libia.
  • Il triangolo d'oro della Tripolitania
    courtesy of ©Cecilia Martino

    Il triangolo d'oro della Tripolitania

    I grandiosi scavi di Leptis Magna sono stati uno dei meriti maggiori dell'archeologia italiana fra le due guerre. Nell'ambito dell'impero romano Leptis costituisce tutt'oggi l'esempio in assoluto più significativo dell'esplorazione di una città.
  • Libia

    Libia

    Il lusso del silenzio.
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100