Cerca nel sito
Croazia
Croazia
Ambasciata Italiana:
Ambasciata d'Italia a ZAGABRIA Meduliceva Ulica 22, Zagabria 10000 Tel. +38514846386 amb.zagabria@esteri.it
Ambasciata in Italia:
Via Luigi Bodio, 74-76 00191 Roma
Consolato Italiano:
Riva, 16, Fiume 51000 Tel. +38 51355200 www.consfiume.esteri.it cons.fiume@esteri.it Consolato d'Italia a Spalato: Obala h.n.p.10/3, Spalato 21000 Tel. +38521348155 www.consspalato.esteri.it/ consolato.spalato@esteri.it; Consolato onorario d'Italia a Dubrovnik: Andrije Hebranga, 112 Dubrovnik 20000 Tel. +385989414654 consolatoitaliano@net.hr
Costo vita:
Il costo della vita è circa il 30% più basso che in Italia.
Documenti:
Passaporto o carta d'identità valida per l'espatrio.
Sanità:
L'assistenza sanitaria è di livello discreto. Si registrano, in alcuni casi, carenze di materiali, di strutture e di farmaci. I nomi dei prodotti non corrispondono spesso a quelli italiani. E' bene pertanto portare con sé i foglietti informativi del farmaco di cui si ha bisogno al fine di consentire al medico locale ed al farmacista l'identificazione del principio attivo. Si fa presente che gli antibiotici assunti per via intramuscolare possono essere somministrati solo presso le strutture ospedaliere o, al di fuori da esse, da personale medico. E' necessario assolutamente per ansiolitici ed antidepressivi portarsi con se la documentazione medica nonché la prescrizione medica del farmaco che si porta al seguito (esempio: Xanax), al fine di evitare requisizioni dei farmaci al posto di frontiera da parte della Dogana. Non vi sono malattie endemiche, tuttavia nei boschi è opportuno proteggersi contro le punture di zecche che possono causare la meningite. Il 1° novembre 2003 è entrata in vigore la Convenzione bilaterale (Italia-Croazia) sulla Sicurezza Sociale. In base a tale accordo, gli italiani che nei loro soggiorni intendano ottenere l'assistenza sanitaria gratuita croata (limitata per i soli casi di emergenza), debbono richiedere prima di partire il "modulo 111 I" alla propria ASL, che dovrà essere esibito alle Autorità sanitarie croate. Si consiglia, comunque, di stipulare anche una copertura assicurativa sanitaria internazionale che preveda anche l'eventuale rimpatrio sanitario d'emergenza o il trasferimento in altro Paese del malato .
Sicurezza:
Le condizioni generali di sicurezza del Paese sono buone. Va segnalato comunque che sussistono ancora in Croazia alcune zone non bonificate dalle mine antiuomo; occorre adottare cautela durante le escursioni ed in particolare nei dintorni di Karlovac, della Slavonia e della Dalmazia interna. Gran parte dei campi minati sono di norma segnalati e delimitati da apposite recinzioni; permangono alcune zone boschive e collinari che tuttora non risultano segnalate. L'autostrada per Belgrado è da considerare ancora zona di cautela nel tratto vicino al confine croato - serbo, soprattutto a causa degli attigui ed estesi campi minati.
Articoli correlati:


Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100