Cerca nel sito
Fez viaggi in Marocco informazioni utili

Marocco, cosa fare a Fez di alternativo

La seconda città del Marocco è il centro culturale e spirituale del paese

Porta della Medina 
©iStockphoto
Fes, porta principale della Medina
È facile capire perché la medina fortificata di Fez, la più antica dell’Africa, è un sito Patrimonio Mondiale dell'Unesco. Situata ai piedi delle montagne del Medio Atlante, si colloca tra le città meglio conservate del Marocco, con strade polverose, palazzi sbiaditi e cortili con i riad illuminati dalle candele. L’antica città è stata costruita circa 1200 anni fa: qui non ci sono hotel e resort di grandi dimensioni, e vanta il primato di essere la più grande area urbana senza auto del mondo. Marrakech potrebbe raccogliere più pagine nelle riviste di stile, ma Fez, la seconda città del Marocco, è storicamente il centro di apprendimento nel mondo arabo ed ospita la più antica università del mondo. Ma possiede anche vantaggi più moderni come nuovi negozi, caffè e vivaci suok che stanno spuntando su Talaa Kabira, la risposta del Marocco agli Champs Elysees. Qui, i nuovi hipster marocchini si mescolano senza sforzo con gli artigiani tradizionali. Ci si può imbattere facilmente in caffè e bar bizzarri nascosti in vicoli senza nome e in ristoranti creativi che mescolano sapientemente vecchio e nuovo.

Ecco alcuni dei migliori segreti di Fez tutti da scoprire

Compra una coperta di pom pom
Anajam Home è un negozio di accessori per la casa, creato dalla giornalista britannica appassionata di interni Tara Stevens (che ha una casa nella medina) per aiutare le imprese artigiane del Marocco a prosperare sostenendo le competenze tradizionali per un mercato moderno. La collezione comprende coperte in lana Atlas, plaid in cotone e lino, oggetti in vetro soffiato a mano, ceramica moderna, legno intagliato a mano e tappeti contemporanei.

Iscriviti ad uno Storytelling
Lanciato al numero 7 di Derb El Magana dallo chef Mike Richardson, Cafe Clock è un centro artistico interculturale. Questa casa con cortile di 250 anni ospita una caffetteria, una biblioteca, un bar e un cinema. Il personale organizza regolarmente eventi musicali e spettacoli per aiutare a preservare la tradizione del Marocco di hikayat (narrazione).

Crea il tuo souvenir
Piuttosto che acquistare un souvenir, puoi crearne uno per lo stesso prezzo. Molti giovani artigiani della medina sono desiderosi di trasmettere le competenze tradizionali a un nuovo pubblico. Craft Draft di Hamza el Fasiki organizza laboratori di tre ore in cui puoi imparare a incidere il rame, imprimere la pelle, provare la rilegatura marocchina con motivi islamici o imparare a suonare l'oud, uno degli strumenti a corde più antichi.

Leggi anche: Lo street food marocchino: brioauts odor di spezie

Visita il concept store Maison Moi Anan
Su una rampa di scale al largo di Derb El Magana troverai la boutique di moda Moi Anan, situata in una tradizionale casa di Fez, dove si vendono vestiti eleganti in tessuti thailandesi e in pelle marocchina. C'è anche un ristorante tailandese bijoux. Lo stilista e chef Anan Sorsutham crea autentici piatti tailandesi per farti sentire come un ospite nella sua casa in Tailandia.

Visita la grotta di meraviglie di Aladino
Molto vicino al quartiere La Achabine è un bazar chiamato Ali's Art Gallery: una volta passate attraverso le porte, passa da un piano all'altro, da una stanza all'altra, ognuna traboccante di incredibili opere d'arte, mobili, gioielli e specchi.

Fai una passeggiata con un fotografo famoso
Il giovane e affascinante fotografo marocchino Omar Chennafi porta i turisti in giro per la medina per farsi un'idea della cultura di strada e godersi la bellezza delle parti più antiche della città. Le immagini di Omar sono apparse sulla rivista Time, ed è stato scelto come fotografo ufficiale del prestigioso Festival de Fes des Musiques, il festival della musica sacra, che si svolgerà dal 22 al 30 giugno.

Rilassarsi in un giardino botanico
Fez è davvero un brillante assalto ai sensi, ma quando si ha bisogno di rilassarsi basta andare ai Jnan Sbil Gardens. Creati nel XVIII secolo dal Sultano Moulay Abdallah, questi giardini, soprannominati "oasi della medina", offrono verde e pace.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Marocco
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100