Cerca nel sito
Vienna weekend cosa fare e vedere

Vienna, 5 consigli per organizzare un weekend

Cosa sapere sulla capitale austriaca prima di partire anche solo per un weekend

Veduta dei tetti di Vienna
©iStockphoto
Vienna, veduta panoramica dal Duomo di Santo Stefano
COME ARRIVARE I voli per Vienna partono dai principali aeroporti italiani anche con collegamenti giornalieri. Il CAT, City Airport Train, è il mezzo più comodo e veloce per arrivare dall'aeroporto al centro città: parte ogni mezz'ora e in 16 minuti circa porta a Landstraße/Wien Mitte. Per chi parte, il Cat permette anche di fare il check-in in stazione ed entrare spediti in aeroporto. La Vienna Airlines offre un servizio di autobus che per 6 giorni a settimana, ogni 30 minuti, collega l'aeroporto di Vienna con il centro città, mentre l’efficiente ed onesto servizio di trasporto in auto con autista è offerto dalla Vienna Airport Express. Il treno è ideale per chi si voglia addormentare in Italia e risvegliare a Vienna: partono da Roma, Firenze e Bologna e sono disponibili con sistemazioni di posto a sedere, cuccette e wagon lit. Vienna si può raggiungere anche con il pulman: la Eurolines parte da Napoli, Roma e Milano. 

COSA VEDERE C’è la Vienna asburgica, capitale dell’Impero, e la Vienna della musica e dell’arte, i due volti più celeri. Tante sono le attrazioni da non perdere. Ad incominciare da Stephansplatz e dal duomo di Santo Stefano, il simbolo di Vienna nonché il più importate edificio gotico dell’intera Austria. Colpisce per la sua imponente struttura, visibile da ogni punto della città anche grazie alla torre sud, alta circa 136 metri. Il tetto è completamente rivestito da tegole colorate che formano gli stemmi dell’Austria, della città di Vienna e dell’aquila bicefala simbolo dell’impero asburgico. Vicino al Duomo si trova l’unico appartamento abitato da Wolfgang Amadeus Mozart che ha mantenuto la struttura originale. Passeggiando per l’Innere Stadt, il centro storico dichiarato nel 2001 patrimonio dell’umanità dall’Unesco, ci si addentra tra vicoli e vie affollati di locali storici, mentre percorrendo la Kärntner Straße, una delle vie dello shopping di Vienna, si giunge allo Wiener Staatsoper, uno dei teatri lirici più famosi al mondo. Poco distante, in Seilerstatte 30, si trova la Casa della musica, un edificio nei cui cinque piani è ospitato il Museo del suono, un museo interattivo che propone diversi percorsi, dai grandi compositori fino alla musica computerizzata. Il museo dell’Albertina è la sede delle più importanti mostre temporanee del mondo. Oltre a queste ospita una collezione permanente di oltre un milione di stampe e migliaia di disegni con opere, tra gli altri, di Dürer, Klimt e Picasso. Lungo la Ringstrsse si trovano alcuni tra gli edifici più importanti di tutta Vienna. L’Hofburg, il palazzo imperiale, è stato per secoli centro politico dell’impero asburgico, ed oggi è la residenza del presidente dell’Austria. Il complesso comprende numerosi edifici che ospitano i musei imperiali, uno dei quali dedicato alla principessa Sissi. I musei a Vienna sono davvero tantissimi, tra i più famosi il Kunsthistorisches Museum e il Naturhistorisches Museum situati in due edifici gemelli, di fronte il MuseumsQuartier, centro culturale che custodisce in sé diversi centri museali. Il più grande palazzo d’Austria, lo Schonbrunn, si trova nella riserva in cui l’imperatore Massimiliano II si dilettava ad andare a caccia nel Cinquecento. Il Palazzo dove visse la principessa Sissi è Patrimonio culturale dell’umanità dell’UNESCO ed una delle attrazioni turistiche più visitate della capitale austriaca.

Scopri di più su Vienna (Stile.it)

DA SAPERE La Sachertorte, celebre in tutto il mondo, venne inventata dal pasticcere Franz Sacher nel 1832: è composta da un impasto al cioccolato farcito da confettura di albicocche, il tutto ricoperto dalla glassa di cioccolato fondente. La pasticceria dell’Hotel Sacher di Vienna custodisce gelosamente la ricetta originale, anche se ormai sono state realizzate centinaia di imitazioni che hanno contribuito a diffondere il mito di questo goloso dolce.

COSA COMRPARE I souvenir sono sempre d’obbligo: cartoline, calamite e portachiavi in primis, ma anche le “Stelle di Sissi” in spille, fermagli e ciondoli. Tra le tipicità gastronomiche, oltre alla torta Sacher, le celebri Palle di Mozart, deliziosi dolci in marzapane e crema gianduia, prodotti artigianalmente dalla pasticceria Furst. A Vienna non mancano i mercatini: quello di Naschmarkt, dove si possono trovare sia antichità che oggetti particolari e divertenti, il mercato dell’antiquariato di Zeitreise-Antikmarkt dove ci sono libri, stampe, cartoline, vinili e tanto altro. I più noti sono però i Mercatini di Natale. Gli altri prodotti tipici comprendono gli oggetti d’artigianato come gli splendidi bicchieri in vetro realizzati a mano della Lobmeyr, i moderni oggetti d’argento per la casa, prodotti dalla Wiener Silber Manufactur e le porcellane di Augarten.

COSA EVITARE Quando si va a cena fuori, è bene conoscere le abitudini degli abitanti. Gli austriaci amano mangiare presto, e non stupisce, quindi che alle 18 molti ristoranti siano già pieni. La cucina quasi ovunque chiude massimo alle 23, quindi bisogna stare attenti quando arriva l’ora di cena.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Austria
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100