Cerca nel sito
Dortmund attrazioni e Fiera del collezionismo

Germania: Dortmund, 48 ore tra monete e medaglie

Il Westfalische Munz & Sammler Borse è il punto di riferimento per tutti gli appassionati e collezionisti di monete, medaglie, cartoline, francobolli ed orologi

Dortmund veduta
© iStockphoto
Veduta panoramica di Dortmund
Gli appassionati e collezionisti di monete, medaglie, cartoline, francobolli e orologi a settembre non possono perdersi l’appuntamento a Dortmund con il Westfälische Münz- & Sammler- Börse. Da oltre 30 anni è uno degli eventi più importanti della regione della Vestfalia. Non solo accoglie visitatori provenienti da tutta la Germania, ma anche dai paesi limitrofi e da tutto il mondo che due volte l’anno si incontrano per scambiare, comprare e vendere i propri piccoli tesori da collezione. Ecco dunque un appuntamento da non mancare che proietta la città più grande e importante della grande regione industriale della Ruhr sotto i riflettori internazionali. Ma non è solo acciaio, carbone o birrerie: Dortmund, infatti, si è trasformata in una piacevole e moderna città dai forti contrasti culturali che, nonostante i pesanti bombardamenti subiti durante la Seconda Guerra Mondiale, custodisce gioielli medievali di tutto rispetto.

Leggi anche: GERMANIA: LIPSIA RISUONA CON LA MUSICA DI BACH

Si può iniziare a visitare di mattina dal centro storico: la Reinoldkirche è la Chiesa dedicata a San Rinaldo, patrono della città. Costruita tra il 1250 e il 1270 su una preesistente struttura, si presenta in stile romanico a tre navate e con un coro gotico. La sua torre misura 112 metri e la guglia poligonale venne aggiunta nel 1520 aumentandone l’altezza di sette metri. All’interno sono conservati numerosi oggetti liturgici e di arte sacra tra cui la Pala dell’altare maggiore del 1420. Di fronte sorge la Marienkirche, chiesa romanica modificata in stile gotico, anch’essa ricca di opere d’arte. Anche l’antico Municipio si trova in centro, costruito nel 1899 in stile neorinascimentale, che espone sulla facciata gli stemmi di otto città anseatiche. Continuando la passeggiata si incontrano la Alte Markt, la piazza dell’antico mercato, la farmacia Adler che vanta il primato di essere la più antica della Renania Vestfalia, la Hansaplatz che ospita il mercato e che durante l’Avvento ospita il grande albero di Natale.

Leggi anche: GERMANIA: I LUOGHI DI HAHNEMANN, PADRE DELL'OMEOPATIA

Il pomeriggio si ha l’imbarazzo della scelta per quel che riguarda i musei: il Museo Industriale LWL è originato in un’antica miniera di carbone, il cui ingresso è originato in un edificio dalla sontuosa facciata in mattoni rossi. Il museo descrive le condizioni dei minatori e vi si possono ammirare gli imponenti macchinari che venivano utilizzati nella miniera. C’è il Museo Ostwald dedicato all’arte moderna e contemporanea ospitato in quello che era il Dortmunder U, ovvero il magazzino di uno dei più importanti birrifici europei. Il Museo Adlertum espone la storia della città e del suo patrimonio e quello per l’arte e la cultura storica ospita reperti archeologici, folcloristici ed oggetti che si rifanno alla storia locale. Il giorno successivo lo si può dedicare al Westfalenpark, il parco della Westfalia con il roseto tedesco, il giardino bavarese e quello giapponese, enormi viali costellati da alberi maestosi ed aree relax con viste panoramiche.  
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Germania
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100