Cerca nel sito
Washington Stati Uniti location film Snowden Stone Monaco Usa

Sulle tracce di Snowden, tra Monaco, Hong Kong e Washington D.C.

Il nuovo film di Oliver Stone costretto a scappare dagli States per raccontare un personaggio sgradito e pericoloso

BIM
Sono passate solo poche settimane dalle Elezioni Presidenziali, ma non sarà necessario attendere il discorso di insediamento che il neo Presidente Usa terrà il 20 gennaio per riportare l'attenzione sulla Casa Bianca statunitense, da sempre capace di concentrare su di sé gli sguardi attenti di tutto il mondo, e non solo per questioni 'meramente' politiche. Come i vari Independence Day, Attacco al potere - Olympus Has Fallen, Scandal, Sotto assedio - White House Down (solo negli ultimi anni) hanno dimostrato, la celebre Mansion al 600 Pennsylvania Ave di Washington DC è infatti una location di particolare riguardo per il cinema hollywoodiano, che anche nella Capitale della Nazione è decisamente di casa.

Tra gli ultimi grandi nomi ad approfittare dell'ospitalità della città del Campidoglio possiamo sicuramente annoverare Oliver Stone, che nell'aprile del 2015 ha passato qui del tempo per le riprese del suo ultimo Snowden, finalmente nelle sale italiane (a partire dal 24 novembre). E con lui l'interprete principale Joseph Gordon-Levitt, attore californiano che dopo Looper, Sin City e The Walk si confronta qui con la figura di Edward J. Snowden, l'Ex tecnico informatico della CIA che divulgò il programma segreto di sorveglianza globale della NSA (National Security Agency), aprì gli occhi del mondo e, contemporaneamente, chiuse le porte del proprio futuro.

Ma se il 7 aprile sono stati numerosi gli avvistamenti di Gordon-Levitt e della sua partner Shailene Woodley registrati sugli account twitter di tanti fortunati capitati davanti alla prossima residenza della famiglia Trump, furono anche altri i set utilizzati dalla produzione, in città e altrove. Il più vicino, sicuramente la Tryst Coffeehouse in Adams Morgan, dove i due protagonisti si incontrano per la prima volta (e la cui manager Tia Scagliarini, coinvolta anche come comparsa, confessò di averli visti più volte insieme anche a riprese concluse). Il più esotico, con altrettanta certezza, Hong Kong, sebbene solo per quanto riguarda il Mira Hong Kong Hotel di Kowloon ("il vero hotel in cui Snowden è stato rintanato per tre settimane" e dove Stone ha "ripreso tutti gli scorci e le visuali necessarie, e poi ricostruito l'interno della stanza a Monaco") oltre ad alcuni esterni girati in un antico edificio della baia di To Kwa Wan.

La nostra scelta sarebbe potuta cadere anche sulle Hawaii, visitate verso la fine di aprile dalla troupe, in grado di sfruttare - eccezionalmente - la stessa casa nella quale il vero Snowden aveva abitato durante la sua permanenza sull'Isola di Oahu, o su Mosca, dove la produzione è tornata per una scena finale che farà discutere ("Chiudere quella scena è stato il massimo della gioia", secondo Stone), ma a sentire il regista non è stata solo una questione di realismo o di fascinazione. "Non ci siamo sentiti sicuri - ha raccontato Stone, parlando del timore che la stessa 'Sicurezza Nazionale' potesse interferire con la produzione, e spiegando il motivo per cui avesse preferito girare principalmente lontano dagli States.

Non a caso, anche per questo la produzione aveva scelto di partire proprio dalla Germania. "Non sapevamo cosa potesse fare la NSA, così siamo finiti a Monaco, ed è stata una bellissima esperienza", ricorda il regista tre volte Premio Oscar, partito dall'Europa nello scorso febbraio, subito dopo San Valentino (come prima di lui Spielberg, Clooney, Anderson o Ericson Core). E Bavaria Studios a parte è stato il lavoro dello scenografo Mark Tildesley ad aggiungere qualcosa di più alla vicenda trasformando luoghi insoliti in set pertinenti. Come l'ufficio postale abbandonato di Monaco (il Postpalast di Wredestraße 10) e i corridoi dell'Olympiapark di Monaco diventati sullo schermo il quartier generale della NSA alle Hawaii, o Truppenübungsplatz Bodenwöhr, la foresta scovata a diverse ore di viaggio da Monaco dove è stato fedelmente riprodotto il Fort Benning in Georgia.
 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Hong Kong
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100