Cerca nel sito
Atlanta location film Baby Driver Edgar Wright Interstate Georgia

Sulle strade della Georgia, sfreccia il Baby Driver di Edgar Wright

Dopo tanto 'dietro le quinte', finalmente Atlanta diventa protagonista.

warner bros
warner bros
Everybody loves Georgia! Una dichiarazione forte, ma difficilmente controvertibile, soprattutto limitandosi all'universo cinematografico. Per finanziamenti, facilitazioni produttive, varietà delle location disponibili è infinita la lista dei film che scelgono Atlanta e il 'Peach State' come sede privilegiata dei propri set… Billy Lynn, Nonno scatenato, La legge della notte hanno fatto finta di esser altrove, pur approfittando delle bellezze locali, dichiaratamente sfruttate dal Codice 999 di un anno fa o, più di recente, del sorprendente Baby Driver di Edgar Wright, finalmente in sala!

Un giovane e talentuoso pilota (il Miles detto 'Baby' di Ansel Elgort) è convinto di essere il migliore nel suo campo. L'incontro con Deborah (Lily James), la ragazza dei suoi sogni, inizia a farlo sognare di avere una chance di lasciare la sua vita criminale uscendone 'pulito'. Ma, intanto, costretto a lavorare per un boss del crimine (Kevin Spacey, 'Doc'), dovrà fare del suo meglio quando una maledetta rapina (destinata a fallire) minaccerà la sua vita, il suo amore e la sua libertà.

Come annunciato dallo stesso Wright sul suo profilo twitter @edgarwright, tra il 17 febbraio e il 13 maggio del 2016 è stata proprio Atlanta a ospitare le riprese del film. Lei e i suoi dintorni, come Dunwoody (per alcuni esterni) o Gainesville, dove nel locale Ufficio Postale di 111 Green St si sono svolte le sequenze della Regions Bank. Una "fonte di ispirazione immediatamente disponibile" - come l'ha definita il costumista Courtney Hoffman - per l'adrenalinico Heist Movie ideato dal regista della Cornetto Trilogy a partire dalla omonima canzone di Simon & Garfunkel contenuta nell'album Bridge over Troubled Water del 1970 (e che sentiamo sui titoli di coda).

"Una scelta davvero eccitante", la definisce ancora Hoffman, entusiasta di "usare le persone e le strade come ispirazione per la nostra 'palette'… e per assegnare a ogni personaggio un colore da cui partire per approfondirlo". Scelte decise, nello stile del direttore di L'alba dei morti dementi, Hot Fuzz e La fine del mondo, necessarie per creare i contrasti su cui si basa la vicenda. Ma le strade di Atlanta sono soprattutto quelle in cui vediamo sfrecciare la Mercedes-Benz S550 di Kevin Spacey (protagonista delle "impegnative evoluzioni realizzate in un parcheggio di downtown") e degli altri… alcune mai viste prima sugli schermi.

Downtown, davanti allo storico Healey Building di 57 Forsyth St NW si apre il film, d'altronde: nella scena iniziale che ci presenta 'Baby' e che approfitta dell'edificio del 1913 come esterno dell'appartamento di Doc. "Sono edifici importanti - spiega lo scenografo Marcus Rowland, - ma ciò che è davvero importante è quel che li circonda. La maggior parte del film è ambientato dentro le auto, così che molto sta nelle strade, negli incroci che attraversano e nella visuale dai palazzi". Per ottenere il massimo da una città così ricca, la produzione e i tecnici hanno ottenuto di chiudere circa una quarantina di strade - persino la direzione nord della popolare Interstate 85 (definita "monumentale") o la Route 9, nota come Gladys Knight Highway (l'Imperatrice del Soul era nata da queste parti) e prima come  West Peachtree Street NW - modificando la segnaletica e persino il panorama.

Migliorandolo, in alcuni casi, come con il Murales (realizzato da artisti locali, ingaggiati alla bisogna) del trombettista che vediamo mentre Ansel Elgort si dirige al Coffee Shop. E impegnandosi a fondo per rendere onore alla città, rappresentata per come è: "Ci siamo riferiti alle strade e ai suoi quartieri come ai suoi ristoranti" dice Rowland, che cita il Goodfella’s Pizza, Bacchanalia, JCT Kitchen e il coffee shop Octane, e che confessa che "uno dei set più difficili da assemblare è stato quello del Diner in cui lavora Deborah, un nostalgico e iconico diner americano 'old school' ricavato da un vecchio Danny's abbandonato vicino all'aeroporto di Atlanta".
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione Georgia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100