Cerca nel sito
Toronto location film Ogni giorno Ontario Canada

La Toronto di Ogni giorno, unica e sempre diversa

Ma per il suo nuovo 'fantastico' film Michael Sucsy ha scelto anche altre segretissime location dell'Ontario canadese.

Eagle Pictures
"Mi chiamo 'A'. Ogni giorno mi sveglio in un corpo diverso. Non so perché succeda" dice il protagonista del film, e del libro di David Levithan dal quale è tratto Ogni giorno. Il film diretto da Michael Sucsy ci porta in una dimensione fantastica, eppure molto reale: Un mix reso possibile dalla scelta di location ben note al regista - quelle di Toronto, soprattutto - e dal tema, incredibile. Come la filosofia del nostro eroe, che 'ogni giorno della sua vita si sveglia e cerca solamente di vivere quel giorno'. "Mai troppo lontano dall'ultima persona" e dal contesto in cui ci ritroviamo a muoversi con lui. O lei.

Al centro, Rhiannon (Angourie Rice), una ragazza di 16 anni che si innamora dell'anima Bella, e misteriosa, chiamata "A", che abita ogni giorno un corpo differente. Grazie alla loro sintonia, Rhiannon e A cercano di incontrarsi tutti i giorni, senza sapere chi avranno di fronte il giorno successivo. Col crescere del loro sentimento, realizzare di dover amare una persona differente ogni 24 ore diventa sempre più impegnativo, fino a quando saranno costretti a prendere una decisione che cambierà per sempre le loro vite.

Ma prima del toccante finale, che ha già conquistato milioni di lettori di tutto il mondo, sarà l'escalation romantica a conquistare il pubblico cinematografico, che potrebbe presto seguire l'esempio di tanti grandi attori e produzioni e pianificare una sorta di 'Every Day Tour' in quel di Toronto. Qui tra il 6 luglio e il 12 agosto dell'anno scorso si sono svolte le riprese del film, ma il 2017 ha visto approdare su questo lato del Lago Ontario anche Michael B. Jordan, Greg Kinnear, Amy Ryan, Jaden Smith e Cara Delevingne al Four Seasons Hotel (per Life in a Year), Emma Roberts e Hayden Christensen per Little Italy (su Spadina Street).



Sucsy era già stato da queste parti per i suoi precedenti La memoria del cuore e Grey Gardens - Dive per sempre, conquistato dai "grandi collaboratori e le grandi locations" e dalla possibilità della 'Queen City' di "apparire sempre come una città diversa". Soprattutto per il suo modo di lasciare sullo sfondo gli skyline o i luoghi più riconoscibili, proprio per evitare che gli spettatori possano identificarli. Come ha fatto per la biblioteca e il campo da football dove i ragazzi si incontrano - verosimilmente, nella ampia zona universitaria a nord di Downtown - e soprattutto la casa di campagna, sul lago, dove Rhiannon vive la sua complicata fuga d'amore con il multiforme partner.

Per fortuna, oltre alla vista aerea dell'Hard Rock Cafe di Yonge St., altri importanti luoghi del film sono ben riconoscibili. La spiaggia dove la ragazza 'scappa' con il suo Justin è decisamente la Sugar Beach dagli ombrelloni arancioni su Dockside Drive, al Corus Quay, dal lato opposto del Waterfront rispetto al sorprendente Music Garden dello Spadina Quay Wetlands, mentre l'incontro con James avviene al George Street Diner. Era "importante progettare un film come questo nel modo più reale possibile, - ha spiegato il produttore Anthony Bregman. - Volevamo case reali e vere scuole, volevamo riempire il film con ambienti vissuti che si percepissero come autentici. Le location aiutano a legittimare il concetto della nostra storia".

La conferma arriva dallo stesso regista, che conclude: "Scegliere le location è stato un processo davvero lungo. Avevamo davvero bisogno di spazi che raccontassero storie e che comunicassero molti dettagli delle persone che li vivono. Molti dei personaggi li vediamo solo brevemente e quindi le immagini devono raccontare rapidamente tutta la loro storia. La casa in cui vive la famiglia di Rhiannon ne è un esempio. Era un'incredibile vecchia casa di legno che non somigliava a nulla che avessi mai visto prima: quasi come un cottage ma con tutti gli elementi di una casa. Aveva enormi travi, vecchi pavimenti di legno e questo enorme camino in pietra nel soggiorno. Sembrava davvero vissuta e amata, come se una famiglia vivesse lì da generazioni, e supportava anche l'idea di una famiglia in cui un genitore ha perso il lavoro e le cose non vanno benissimo".
 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Canada
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100