Cerca nel sito
Barcellona in 48 ore

Come trascorrere al meglio 48 ore a Barcellona

Gli indirizzi giusti per scoprire il luogo della Catalogna in un weekend

Panorama di Barcellona
©iStockohoto
Veduta di Barcellona
Venerdì:
Appena arrivati nel pomeriggio non si può che iniziare da una passeggiata nel Barri Gòtic, dove scorci suggestivi fanno da sfondo ideale per le foto più belle. Con il calare della sera questo quartiere interamente pedonale affascina ancora di più con le danze di luci ed ombre che si insinuano tra le strutture gotiche. A poca distanza, nel quartiere Ribera, non si può perdere la tappa alla basilica di Santa Maria del Mar, costruita tra il 1329 e il 1383, che costituisce l'esempio più emblematico e puro del gotico catalano. Via libera al divertimento notturno tra i tanti locali della zona. Lo storico Harlem Jazz Club è celebre per la quantità di eventi musicali, mentre per gli appassionati di sapori catalani le tapas della Vinateria del Call, situato nelle strade storiche del vecchio quartiere ebraico di Barcellona, sono sempre abbondanti e la taverna gourmet offre anche selezione di 160 vini spagnoli della sua cantina.
 
Scopri di più su Barcellona con Stile.it

Sabato:
La mattinata inizia con una camminata sulla Rambla. La parte centrale di questo ampio viale è pedonale e brulicante di artisti di strada, ristoranti, negozi di souvenir e bancarelle. I punti salienti di questa passeggiata includono: il Cafè de l’Òpera, il celebre Pla de l’Os, mosaico pavimentale realizzato dall’artista surrealista Joan Miró, e il mercato La Boqueria, aperto dalle prime ore del mattino fino a metà pomeriggio. Plaça de Catalunya, la fine della passeggiata, è dominata da sei gruppi scultorei che rappresentano le quattro città capoluogo catalane affiancate dalla saggezza e dal lavoro. Questa vivace piazza è il cuore di Barcellona. Con i suoi centri commerciali e i negozi delle maggiori marche, Plaça Catalunya è il centro nevralgico dello shopping. Altro tempio dello shopping è l’Els Encants, a due fermate di metropolitana: aperto solo quattro giorni a settimana, questo spazio conta oltre 270 negozi in cui vengono venduti prodotti nuovi e usati, oggetti antichi e da collezione, oltre a una vasta offerta di locali dove è possibile rifocillarsi dopo la mattinata di esplorazione. Il pomeriggio culturale può avere inizio con il celebre museo del design, il Disseny Hub Barcelona, per proseguire verso il Palau de Mar per una visita al Museu d’Història de Catalunya, il Centre d’Història Contemporània.

Leggi anche: I migliori Restaurant Market di Barcellona

Domenica:
La domenica mattina è il momento ideale per visitare la Sagrada Família, dalla cui torre si gode non solo una vista privilegiata della città e si effettua una visita diversa all’edificio. Molto vicino alla Sagrada Família, è possibile visitare il Recinto Modernista Sant Pau. Al suo interno si trova L'Hospital de la Santa Creu i Sant Pau, una struttura che costituisce l’opera modernista più grande d’Europa, dichiarata Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO nel 1997. Dirigendosi verso sud si arriva al Parc de la Ciutadella, costruito sugli antichi terreni della fortezza cittadina, a immagine e somiglianza dei Giardini del Lussemburgo di Parigi. Per una visita all’aperto c’è l’iconico Park Güell, dove si passeggia circondate dalle opere d’arte del Maestro del modernismo catalano Gaudi. Per un pranzo tipico il ristorante Ca la Nuri offre piatti a base di pesce in un locale direttamente sulla spiaggia.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Spagna
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100