Cerca nel sito
21 dicembre 2012 Maya e fine del mondo

2012: sarà la fine del mondo?

L'anno delle profezie Maya è arrivato: ma cosa sta esattamente succedendo nel mondo?

2012 fine del mondo
©Shutterstock
E’ arrivato. Che la si voglia chiamare Apocalisse o la Fine del Mondo, il tanto famoso 2012 è arrivato. Si tratta di aspettare ancora poco meno di 12 mesi e il 21 dicembre dovrebbe tutto scomparire, il mondo finire di esistere e l’Umanità essere cancellata. Almeno secondo quello che pensavano i Maya e il loro calendario, che collega la data del 21-12-2012 al ritorno del Dio Bolon Yokote, una divinità che lega il suo nome alla creazione e alla guerra.

Anche per il calendario gregoriano durante la fatidica data si dovrebbe verificare un evento di proporzioni planetarie, in grado di stravolgere il mondo, anche in senso spirituale. Che ci si voglia credere o meno, già da tempo storie e leggende hanno portato un tamtam di date presunte in cui si vociferava che sarebbe accaduto il peggio scatenando psicosi collettive non da poco conto. C’è chi è andato alla ricerca di bunker sotterranei e chi di luoghi che avrebbero potuto proteggere da eventuali cataclismi. E allora cosa ci si dovrebbe aspettare per la fine di quest’anno?

Molti studiosi ritengono che l’annuncio della fine del mondo sia in realtà un’interpretazione non corretta delle scritture Maya, che indicano invece il passaggio tra due età. Sarebbero terminate le precedenti quattro ere, quelle dell’Acqua, dell’Aria, del Fuoco e della Terra, tutte con drammatici sconvolgimenti ambientali, e si è entrati nell’attuale Età dell’Oro. I Maya avevano la visione che con la fine di ogni era si completava un ciclo di creazione e ne iniziava uno nuovo: ogni era si componeva di 13 cicli di 400 anni, per un totale di 5.125 anni, e secondo questi calcoli l'era attuale finisce nel dicembre di quest’anno.

Basta però soffermarsi proprio su una considerazione che dovrebbe far riflettere: se ci si attiene al calendario Maya ci si rende conto che alla fine di ogni era sono avvenuti si cataclismi, ma poi tutto ricomincia perché è ciclico e non farà altro che ripartire. Se non basta questo, si può supporre che le numerose motivazioni per cui dovrebbe finire il mondo non possono essere tutte veritiere allo stesso modo.

Di cosa stiamo parlando? Della rotazione della Terra che si fermerà per 72 ore, dell’inversione dei poli magnetici terrestri, dell’impatto di un asteroide, dell’esplosione di una supernova, di una nube di energia negativa che avvolgerà il nostro pianeta per citare gli allarmismi collegati a fenomeni naturali, senza considerare la paura per una guerra nucleare o per la diffusione di un’epidemia. Credenze, verità, spiritualità o solo falsi allarmismi? L’anno che è appena incominciato pone molte domande, ma ognuno dovrebbe trovare una propria risposta.

Leggi anche
Un 2012 pieno di aurore
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per territorio
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100