Cerca nel sito
bologna giardini natura itinerari villa spada

Villa Spada, natura e storia nel cuore di Bologna

La villa custodisce uno dei giardini storici più affascinanti del capoluogo emiliano

bologna natura giardino villa spada
Courtesy of velinaRibarova / Wikimedia Commons CC BY SA 4.0
Villa Spada
Fu nel XVIII secolo che Jacopo Zambeccari rilevò la proprietà dell'attuale Villa Spada, che porta il nome della famiglia che un secolo dopo ne divenne a sua volta proprietaria. E fu allora che, probabilmente, iniziarono i lavori per la realizzazione del suo magnifico giardino formale nell'ambito della massiccia opera di ristrutturazione che Zambeccari affidò all'architetto ed ingegnere Giovanni Battista Martinetti. Nel corso del tempo la tenuta passò da un proprietario all'altro, diventando, tra l'altro, quartier generale austriaco nel 1849 e dimora del principe turco Omar Sharif nel 1912. Nel corso degli anni '60, infine, la Villa venne rilevata dal Comune di Bologna che, ancora oggi, ne detiene la proprietà e del quale rappresenta una delle ville storiche più affascinanti.

Situata nel centro della città, Villa Spada si adagia sui primi declivi collinari di Bologna che hanno decretato l'affascinante struttura a terrazzamenti del suo giardino formale adornato da aiuole all'italiana e scalinate che collegano i diversi livelli, un tempo costeggiate da statue e vasi che, purtroppo, nel corso del tempo sono andati perduti e che, oggi, sono stati sostituiti da moderne opere di Nicola Zamboni. Delle sculture originarie sono sopravvissuti soltanto una rappresentazione di Ercole ed una vasca d'acqua costeggiata da sedute in muratura. Ma ciò che rende così speciali i giardini di Villa Spada è la perfetta fusione tra giardino formale e giardino paesaggistico all'inglese che, con le sue quinte vegetali, valorizza quello all'italiana.

Da non perdere l'incantevole terrrazza belvedre che offre un punto di vista d'eccezione dal quale ammirare l'intero giardino all'italiana e il suo collegamento con la Villa, così come i numerosi giochi di prospettive che permettono di spaziare con lo sguardo sugli scorci più belli del giardino. Sarà, invece, estremamente piacevole dedicarsi a rilassanti passeggiate nel giardino paesaggistico che permette di godere del contatto con la natura in un ambiente dall'aspetto meno stutturato. Il giardino è aperto al pubblico e può essere visitato gratuitamente. La Villa ospita, invece, l'interessante Museo Storico Didattico della Tappezzeria.

Leggi anche:
Cipolle di Medicina: elisir bolognese
Bologna: mortadella da intenditori
La Primura: patata di Bologna DOP 

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
 

Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100