Cerca nel sito
parco abruzzo natura biodiversità iniziative progetti

Parco d'Abruzzo "un albero, 365 giorni"

Il progetto "ForestBeat" ha filmato un antico faggio per un anno intero

Parco d'Abruzzo
istock
 Parco d'Abruzzo
Un inno alla vita, un omaggio alla natura e ai suoi miracoli, una finestra sulla vita segreta delle foreste dell'Appennino. Tutto questo e molto di più si scopre osservando le immagini catturate e pazientemente montate da Bruno D'Amicis e Umberto Esposito per il loro progetto multimediale “ForestBeat” ideato in collaborazione con il Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise. I due fotografi naturalisti hanno fornito il loro contributo per documentare e promuovere le faggete vetuste del Parco, candidate Patrimonio UNESCO, scegliendo uno dei loro bellissimi alberi e filmandolo 24 ore su 24 per un anno intero attraverso l'installazione di una telecamera nascosta sapientemente posizionata. Questo piccolo occhio (in)discreto ha documentato giorno dopo giorno ogni singolo istante della vita attorno dell'albero prescelto ed attorno ad esso, ed ha mostrato delle scene meravigliose.

L'alternarsi delle stagioni cambia i colori e gli scenari, e durante l'intera durata delle riprese è stato possibile assistere ad un avvicendarsi continuo di differenti creature che hanno scelto il tronco e le fronde del faggio come rifugio o come semplice luogo di passaggio, talvolta persino come “grattaschiena”, come nel caso di un simpatico orso. Lupi, volpi, cinghiali, cervi, caprioli, tassi e, appunto, orsi si sono aggirati indisturbati tra le faggete più antiche d'Europa che danno vita ad un ecosistema unico, di una bellezza sorprendente e di una ricchezza immensa. L'albero immortalato diventa un vero e proprio crocevia di odori, un punto di riferimento, uno scrigno pieno di vita, e si trasforma in un messaggio per chi osserva il video. Un messaggio che invita a scoprire e ad interessarsi a questo luogo meraviglioso all'interno del Parco.

Per due anni, ogni settimana, i fotografi hanno pubblicato sui social media materiali audiovisivi e fotografici in cui mostravano gli ambienti delle faggete e ne hanno descritto con brevi post gli aspetti più interessanti e meno noti, e per un anno hanno filmato l'albero prescelto, per poi concludere il progetto con la divulgazione di questo filmato breve ma intenso che ha conquistato il cuore e destato la curiosità di milioni di utenti. Il video intitolato “Un albero, 365 giorni”, infatti, in breve tempo è diventato virale, collezionando ben 3 milioni di visualizzazione soltanto nei primi tre giorni dalla pubblicazione. Un segnale importante che dimostra la sensibilità di una moltitudine di internauti nei confronti del valore di un inestimabile patrimonio di biodiversità come quello delle faggete vetuste che meritano riconoscimento, salvaguardia e tutela.

Leggi anche:
Molise tra zampogne e domus romane
Abruzzo da scoprire pedalando

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per distretto Parco d'Abruzzo
  • Roma Capitale dell'arte
    Ph: Harald Wisthaler, courtesy Zaha Hadid Architects

    Roma Capitale dell'arte

    Weekend culturale con le mostre dedicate a Zaha Hadid, Picasso e Hokusai 
  • Monet e le sue tele private a Roma
    © Musée Marmottan Monet, paris c Bridgeman-Giraudon / press

    Monet e le sue tele private a Roma

    Al Vittoriano in mostra le tele mai viste provenienti dal Museo Marmottan
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100