Cerca nel sito
dolomiti friulane montagna natura inverno escursioni itinerari

Dolomiti Friulane regine d'inverno

Gli splendidi paesaggi e le numerose attività in mezzo alla natura incontaminata rendono il Parco il luogo ideale per lunghe giornate d'inverno all'aria aperta

dlomiti friulane montagna neve sci ciaspole escursione 
Courtesy of ©PR Dolomiti Friulane/Parks.it
Le Dolomiti Friulane in inverno
Racchiuso tra il corso dei fiumi Piave e Tagliamento, il Parco Regionale delle Dolomiti Friulane è adagiato tra le montagne della zona occidentale del comprensorio che domina l'alta pianura friulana. La particolare morfologia di questa zona della regione, compresa tra le province di Udine e Pordenone, ha impedito lo sviluppo del processo di antropizzazione ed oggi, dunque, l'area si presenta ancora particolarmente selvaggia e caratterizzata da un elevato livello di “wilderness” che la rende particolarmente apprezzata dagli alpinisti, dagli escursionisti e da tutti coloro che ricercano il contatto più autentico con la natura. Esplorando il territorio dell'Area Protetta, infatti, si resta immediatamente colpiti dall'assenza di strade agevoli, di centri abitati e di strutture ricettive attrezzate in quota ma, allo stesso tempo, si rimane colpiti dal fascino aspro ed incontaminato dei suoi scenari e dalla incredibile biodiversità.

Una natura così selvaggia ed impervia cela, infatti, preziosi tesori che spaziano dalle interessanti impronte di dinosauro rinvenute in epoca recente, sino alle numerose creature che popolano il Parco, tra le quali si distinguono magnifici camosci, caprioli, marmotte, galli cedroni e forcelli, cervi e stambecchi. In ogni vallata, inoltre, si stima la presenza di una coppia di aquile reali nidificanti. L'assenza di insediamenti umani ha permesso, inoltre, la sopravvivenza di una moltitudine di specie vegetali e la preservazione di interessanti endemismi floristici come l'Arenaria huteri, la Gentiana froelichi, la Pianella della Madonna, e la Daphne blagayana.

L'area delle Dolomiti Friulane è, inoltre, un autentico concentrato di sorprendenti fenomeni carsici. Grotte, orridi, canyon, forre ed abissi attirano ogni anno una moltitudine di speleologi ed amanti del canyoning. I paesaggi sono eccezionali e non occorre essere particolarmente esperti o allenati per scoprirne le meraviglie. Basta informarsi sulle caratteristiche del territorio ed andare nei posti giusti, come l'Orrido di Pradis, attrezzato per la visita con diverse modalità, per scoprire siti dal fascino unico alla portata di tutti.

In inverno, poi, il Parco riserva interessanti sorprese per ogni tipologia di visitatore. Il suo territorio si presta, infatti, alla pratica delle attività più disparate. Grazie ad una serie di escursioni in Val Cimoliana, ad esempio, ogni weekend chiunque potrà sperimentare l'esperienza dell'arrampicata sul ghiaccio e sulla neve in maniera sicura, grazie all'assistenza di guide ed istruttori esperti ed ai dislivelli minimi. I visitatori più allenati, inoltre, potranno partecipare, il 28 gennaio, ad Iceland un'escursione articolata in arrampicate e progressioni su ghiaccio con contestuale concorso Instagram. Chi desidera, invece, dedicarsi ad attività meno “estreme” potrà contare sulle due ciaspolate (di cui una in notturna) previste per il 21 e il 22 gennaio. Per chi desidera approfondire la storia del territorio, anche nelle sue pagine più drammatiche, l'appuntamento da non perdere è per il 29 gennaio con il geotrekking dedicato alla diga ed alla frana del Vajont. E per chi, infine, volesse respirare ancora un po' di aria natalizia, c'è tempo fino al 15 gennaio per visitare la mostra dei presepi di Poffabro.

Leggi anche:
Friuli Venezia Giulia: la pesca in via di estinzione
Biscotto Pordenone: il simbolo più dolce della città friulana
Dolomiti Friulane: 5 curiosità sull'Orrido di Pradis

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Social
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100