Cerca nel sito
sicilia natura stanze fiorite di canalicchio itinerari

Catania: da una Stanza in Fiore all'altra

La visita del bellissimo giardino siciliano rappresenta un percorso spirituale

stanze in fiore catania giardino ninfee
Courtesy of www.facebook.com/lestanzeinfioredicanalicchio
Le Stanze in Fiore di Canalicchio
Un villa ottocentesca dalle suggestioni neoclassiche, un suggestivo intreccio di giardini fioriti che la incorniciano in un'area di 7 ettari susseguendosi, uno dopo l'altro, come tante stanze a cielo aperto adornate con piante rigogliose provenienti da ogni parte del mondo. Così si presentano le suggestive Stanze in Fiore di Canalicchio a Catania, uno dei giardini più affascinanti e suggestivi di tutta la Sicilia. Nati nel 2000 dalla creatività di Rossella Pezzino de Geronimo che decise di trasformare il vecchio agrumeto della villa in un giardino fiorito contemporaneo, sono in grado di far convivere in armonia una moltitudine rare specie esotiche, ben 900 tra piante tropicali e sud tropicali. L'acqua fa da filo conduttore della visita e da colonna sonora. Stagni, laghetti e ruscelli, spesso adornati di magnifiche ninfee, solcano i diversi ambienti e se l'antico abbeveratoio in pietra lavica si è trasformato in una vivace fontana con cascata su tre fonti, le vecchie saie scorrono placide tra tutte le "stanze" del giardino. Le aree tematiche concatenate creano un unico percorso multisensoriale che trasforma ogni visita in un'esperienza coinvolgente.

Passeggiando in questo trionfo di piante in fiore si possono scoprire un giardino d'oriente ed un giardino zen carichi di simbolismi che invitano alla meditazione e alla contemplazione, mentre il giardino segreto dalle suggestioni birmane è un trionfo di fiori di tutti i colori, palme rare e piante lussureggianti. Il giardino cinese sfoggia un sistema di otto laghetti comunicanti scavati nelle rocce laviche mentre il giardino dell'altrove e della rinascita, di recente realizzazione, propone un vero e proprio percorso spirituale metaforico accompagnato dal suggestivo intreccio di piante fiorite e corsi d'acqua. Ed è proprio attraversando un corso d'acqua che il percorso prende inizio. Il passaggio, dalla funzione purificatrice, non è un 'mpresa semplice perchè prevede il transito su diverse isole di pietra lavica sconnesse saltellando dall'una all'altra. Il tutto circondati da una grande nuvola bianca e nera che simboleggia lo yin e lo yang. All'arrivo la grande scultura circolare dell'uroboro (il serpente che si morde la coda) invita ad una riflessione sulla morte e la rinascita.

Una distesa verdeggiante agitata dal vento ricorda il mare, con piccole fioriture di alisso che fanno capolino dalle creste delle onde evocando la bianca spuma delle acque che si infrangono. E al di là del mare si estende il nuovo mondo, con due lune di bronzo a far da guida tra le luci e le ombre della fitta foresta primordiale. Un susseguirsi di magnifici alberi incorniciano il percorso, dai bambù rizomatosi alle dracene, dalle noline, intervallate dalle nodose radici di ulivi centenari, alle palme piegate dal vento, sino alle liane che discendono dagli alberi del paradiso che ricordano come una fine possa rivelarsi, in realtà, un nuovo inizio. A concludere questa esperienza che coinvolge ogni senso a livello quasi trascendentale, un piccolo momento dedicato al gusto ma anche al tatto, con un deliziosa deliziosa degustazione della cucina di casa con sfiziosi menù finger food.

Leggi anche:
Sicilia: 5 itinerari seguendo l'arte più bella dell'isola
Weekend in Sicilia: itinerario in 5 tappe tra i sapori dell'isola

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU' BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100