Cerca nel sito
porto conte alghero sardegna biodiversità

Alghero: mosaico di ambienti naturali al Parco di Porto Conte

L'area protetta sarda custodisce autentiche rarità botaniche e specie animali rarissime come il grifone

parco porto conte alghero sardegna paesaggio mare piante
Courtesy of ©PR Porto Conte/Parks.it
Una veduta del Parco di Porto Conte
Jacques Cousteau definì l'area a nord di Alghero uno degli angoli più affascinanti del Meditarraneo. Se a dirlo è proprio un personaggio che ha fatto dell'esplorazione la propria vita e che ha visto i luoghi più belli e differenti del pianeta, non può che essere vero. La ricchezza degli ambienti che oggi costituiscono il Parco Regionale di Porto Conte giustificano ampiamente l'itituzione di una zona di tutela. In 5350 ettari di superficie, distribuiti su 60 chilometri di costa, il Parco, che si sviluppa dal Calich sino a raggiungere il lago di Baraz, custodisce un mosaico di paesaggi mozzafiato che non hanno eguali in Europa. Tutti popolati da specie animali e vegetali rarissime ed affascinanti.

Considerata l'estrema varietà di scenari ed ambienti naturali che custodisce, non stupisce, dunque, che l'area sia stata suddivisa in diverse zone di differente valore ambientale, ognuna delle quali contraddistinta da particolari limiti di utilizzo. La Zona A, dichiarata Riserva Integrale, occupa una superficie ridotta del territorio ma include le aree più selvagge e delicate nelle quali sono consetiti esclusivamente interventi di conservazione. Nella Zona B, dichiarata Riserva Naturale Orientata, sono consentite le raccolte e le coltivazioni delle varietà locali, ma non è permesso realizzare alcuna opera edile ad eccezione delle infrastrutture necessarie alla gestione dell'Area Protetta. La Zona C, dichiarata Area di Protezione, consente lo svolgimento di attività agricola e pastorale, purchè condotte con metodi a ridotto impatto ambientale. Al suo interno è, inoltre, incoraggiata l'attività artigianale. La Zona D, invece, dihiarata Area di Promozione Economica e Sociale è quella maggiormente antropizzata che ricomprende le principali strutture per la fruizione del Parco. Al suo interno vien incentivato lo sviluppo di economie compatibili, come le attività di turismo sostenibile, volte a migliorare le condizioni di vita delle comunità locali.

Una delle caratteristiche che rendono così speciale il Parco è la richezza della flora che vanta la peculiarità di annoverare numerosi endemismi e di variare nella composizione in base alle differenti condizioni pedoclimatiche offerte dai diversi ambienti naturali presenti nel Parco. Nella zona più suggestiva dell'area protetta, ad esempio, qualla tra Capo Caccia e Punta Giglio, prevalgono paesaggi carsici dove predominano gli arbusti bassi, le erbe cespugliose, e tutte quelle specie che si adattano a climi caldi e a terreni aridi e poveri di nutrienti. Su questi terreni, caratterizzati da pietre affioranti e dalla tipica terra rossa, si possono tovare specie estremamente rare e talvolta endemiche, come nel caso della Centaurea horrida e dello statice delle ninfe.

Gli animali che vivono nel Parco di Porto Conte non sono meno affascinanti. Tra le creature più rare e sorprendenti il Grifone rappresenta certamente quella più rara e prezisa. Dichiarato specie in via di estinzione, anche perchè ogni coppia cova non più di un uovo alla volta, vive nella zona dell'area protetta compresa tra Capo Caccia e Capo Maragiu, dove viene rifornito, mediante un apposito carnaio, di carcasse di animali, unica fonte di alimentazione per questa specie di uccelli che rischia di scomparire anche perchè si nutre dei corpi di specie animali che, a loro volta, stanno ormai diventando sempre più rare.

Leggi anche:
Sardegna alternativa con l'archeologia mineraria
Sardegna: abitare sano con canna e falasco
La Maddalena: dove la spiaggia è rosa
Sardegna: la favola si vive nel faro
Sardegna: le spiagge migliori per gli sport da “tavola”
Sardegna: le perle dell’artigianato locale in 5 tour
Idee weekend in Sardegna: 5 tesori da scoprire

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE


Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100