Cerca nel sito
alfonsine labirinto emilia romagna giardini itinerari

Alfonsine, il Labirinto effimero e dinamico

Per tutta l'estate è possibile perdersi nei meandri del magnifico labirinto nel campo di mais

labirinto alfonsine mais
Courtesy of ufficio stampa P&P 
Labirinto di Alfonsine
Effimero e dinamico. Sono questi gli aggettivi con cui viene definito l'affascinane Labirinto di Alfonsine. Un luogo unico e non nel senso retorico del termine, ma in quello letterario perchè questo labirinto della provincia di Ravenna non è uguale a nessun altro. Neanche a sé stesso. Realizzato in un campo di mais segue, infatti, la stagionalità del prodotto ed ogni anno, in estate, viene riprogettato e realizzato secondo un nuovo tracciato ispirato ad una tematica ogni volta diversa. Ogni anno, dunque, il Labirinto di Alfonsine regala un'esperienza differente che lo rende un luogo in cui tornare ancora e ancora, per poter osservare come cambia nel tempo. Per questo è un labirinto effimero ed è stato, peraltro, il primo realizzato in Italia ed uno dei più grandi d'Europa, addirittura il più grande fino al 2014. 

La sua creazione risale al 2007 ad opera di Carlo Galassi che lo ricavò all'interno di un campo di mais. Nei due anni successivi le sue dimensioni aumentarono fino a raggiungere i 40.000 metri quadrati. L'anno successivo, l'incontro di Galassi con l'artista Luigi Berardi, autentico punto di riferimento in ambito internazionale per la progettazione di labirinti, ha dato il via ad una collaborazione che ha portato, di anno in anno, alla realizzazione di percorsi di ispirazione sempre più filosofica e complessa. E se nel 2010 “La Ruota del Tempo”, con i suoi 60.000 mq di superficie, l'ha reso il più grande labirinto d'Europa, nel 2011 “Il Basilisco” ha raggiunto persino gli 80.000 mq. Stessa dimensione di quello dell'anno successivo a tema “L'alba dell'uomo”. Nel 2013 gli 80.000 mq di labirinto si sono trasformati nel “Volo dell'ape regina” mentre, nel 2014 è nata una creazione dal titolo “Metamorfosi” che ha lasciato il posto, nel 2015, a “L'albero della vita”.

Il 2016 è l'anno dell'altra grande svolta. Quella che è valsa al labirinto di Alfonsine l'altro suo appellativo (e primato). Quello di labirinto “dinamico”. Con il tracciato “Sentieri Peregrini” (seguito nel 2017 da “Sospesi tra terra e cielo”) è nato il primo labirinto effimero al mondo dotato di porte, lungo il tracciato, che possono essere chiuse da chi le attraversa costringendo chi passerà dopo a cambiare strada, dando vita ad un nuovo percorso. Un esperienza unica nel suo genere che rende questo labirinto un luogo mutevole non soltanto di anno in anno, ma di attimo in attimo. Il tracciato di quest'anno si chiama “Meridia” e si dipana in una superficie di 70.000 mq con tre chilometri di sentieri, ispirandosi al tema del tempo e delle ombre.

C'è tempo fino alla metà di settembre per visitare il Labirinto Effimero e Dinamico di Alfonsine che rimane aperto al pubblico ogni giorno dalle 16.00 alle 22.00 con la possibilità di fermarsi per la cena godendo della splendida cornice paesaggistica grazie all'allestimento di un'area pic nic con barbecue e grazie al nuovo agriturismo dove gustare le prelibatezze del territorio.

DA VEDERE IN EMILIA ROMAGNA: VAI ALLA GUIDA

Leggi anche:
Magnifica Piacenza
Piacenza, le terre del Magnifico
A Piacenza si brinda a S. Martino
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100