Cerca nel sito
Venezia Street food pizze 

Venezia dice "no" allo street food

Non più kebab, pizza e panini nel centro storico e nelle isole

Venezia
PERCHE' SE NE PARLA 
Venezia contro lo street food. Il Comune ha approvato una delibera che vieta l’apertura di nuove attività di vendita di prodotti alimentari da asporto nel centro storico e nelle isole. Un problema che si ricollega a quello, più volte denunciato, del decoro e della maleducazione dei turisti nel centro storico. A sua volta collegato, secondo il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, alla consumazione di panini, kebab e pizze venduti dai molti negozietti. Il 4 maggio è stata dunque approvata dal consiglio comunale una delibera che vieta l’apertura di nuovi shop di questo tipo, con esenzione soltanto per le gelaterie e per le nuove attività il cui iter di apertura è stato avviato prima del suddetto giorno. 

PERCHE' ANDARCI 
Una delle città più belle al mondo, che consente interessanti visite culturali grazie a quelle architetture che l'hanno resa celebre e immortale. Ed è anche annoverata, assieme alla sua Laguna, tra i siti Unesco. Da Piazza San Marco con la sua Basilica, il Palazzo Ducale e il Campanile, i ponti di Rialto e dei Sospiri, il museo Peggy Guggenheim e i suoi celebri palazzi. Concedetevi lunghe passeggiate e fatevi sorprendere dalla sua bellezza, anche quella più nascosta. 

DA NON PERDERE
Non dimenticate di vedere i tesori della barocca Santa Maria della Salute, delle Gallerie dell'Accademia, che accolgono i capolavori dei pittori veneziani tra il Trecento e il Settecento e della Scuola di San Rocco con le tele di Tintoretto. Ma c'è anche l'arte moderna e contemporanea, come quella che s'incontra nella rinnovata e recuperata Punta della Dogana, oppure all'interno di Palazzo Grassi e della Biennale.

PERCHE' NON ANDARCI 
Secondo Trivago, in una indagine che ha analizzato prenotazioni on line e catene alberghiere, una camera doppia a Venezia, in alcuni mesi dell'anno, costerebbe circa 300 euro a notte. Una cifra che attribuisce alla città lagunare il primato di più cara d’Europa. Inoltre, in una indagine di Legambiente sulla scorta dei dati delle centraline di monitoraggio delle agenzie per l’ambiente, è anche al terzo posto, a pari merito con Milano, tra le città italiane con l’aria più inquinata.

COSA NON COMPRARE 
Penso che ci siano poche cose, nel mondo, più brutte dello pseudo cappello da gondoliere in paglia, con tanto di fascetta azzurra con impressa la scritta “Venezia”. Se avete voglia di portare a casa qualcosa di gustoso, tra le produzioni tutelate a livello europeo c'è il Radicchio rosso di Chioggia IGP. Nella grande varietà di dolci spiccano i famosi "baicoli", biscotti secchi, gli "zaleti", dolcetti a base di uvetta e granoturco ed il "pan dei dogi", con pinoli, uvetta, cacao, noci e mandorle.
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100