Cerca nel sito
Treviso Susegana Conegliano Vino Eventi

Susegana: sapore di vino tra le colline candidate Unesco

Tra castelli e degustazioni, leggende e passeggiate, un tour alla scoperta delle terre del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG 

Susegana
Google
Susegana
PERCHE' SE NE PARLA 
Si apre domani Vino in Villa 2017, sino al 22 maggio, appuntamento giunto alla sua XX edizione, il più importante appuntamento annuale dedicato al Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG. Sabato e domenica sarà possibile seguire i diversi itinerari di visita del territorio alla scoperta del magico paesaggio delle colline candidate a Patrimonio dell’Umanità Unesco, attraverso antiche pievi e passeggiate tra i vigneti. Previsto per domenica l’appuntamento al Castello di San Salvatore a Susegana, in provincia di Treviso, dalle 10.30 alle 17.00, dove si degusterà l’ultima annata di questo vino tra banchi d’assaggio, incontri con i produttori e, naturalmente, degustazioni guidate.
 
PERCHE' ANDARCI 
A Susegana sono da visitare due grandi eccellenze storiche. A partire da ciò che rimane del Castello di Collalto, distrutto da Endisio I nel 1110, il più antico possedimento dei Conti di Collalto. Una leggenda narra che Chiara da Camino moglie di Rambaldo VIII di Collalto, colta dalla gelosia, abbia murato viva la damigella Bianca da Collalto; il fantasma di Bianca in certe notti vaga tra le rovine lamentandosi. Di questo sito rimangono l'antica torre e parte della cinta muraria. E poi c'è il Castello di San Salvatore: la sua costruzione ebbe inizio nel 1323 grazie all’opera di Rambaldo VIII di Collalto, ma fu il suo successore Schenella V a completarla. Un castello che con una doppia cinta muraria si estende su una superficie di 32.000 mq. Il Castello progressivamente venne abbellito e ingrandito ma, tra il 1917 e il 1918, in seguito alla grave sconfitta di Caporetto, l’imponente struttura andò quasi del tutto distrutta.
 
DA NON PERDERE 
La Chiesa della Visitazione della Beata Vergine era stata eretta nel XIII secolo e, molto probabilmente, venne riedificata nel XV. Qui si può ammirare la pala "Madonna fra Santi" che Giovanni Antonio de' Sacchis, detto Il Pordenone, vi posò nel XVI secolo. Nel corso dei restauri che hanno avuto inizio nel 1984, sono emersi sulla parete della navata sinistra, resti di affreschi quattrocenteschi. Purtroppo la Grande Guerra causò a questo edificio danni incalcolabili, che recuperò in parte con delle modifiche strutturali.
 
PERCHE’ NON ANDARCI 
La stazione ferroviaria di Susegana è servita da treni regionali svolti da Trenitalia nell'ambito del contratto di servizio stipulato con le Regioni interessate. No, non è semplice arrivarci. Ma la vostra pazienza sarà premiata.
 
COSA NON COMPRARE 
In pochi lo sanno ma il tiramisù, ormai noto a livello internazionale, è il dolce trevigiano per eccellenza. Fatene scorte! Magari evitando di comprare piatti in ceramica e portachiavi con tanto di fotografia, spesso datata. In alternativa, grappa tutta la vita.
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100