Cerca nel sito
Thailandia Isole Golfo Mare

Koh Tao, i misteri dell'isola della morte

Si respira ancora paura nel paradiso tropicale thailandese 

isola di koh tao
Courtesy of @iStock
isola di koh tao
PERCHE' SE NE PARLA
Koh Tao, paradiso tropicale nel Golfo di Thailandia, è diventata "l'isola della morte". Dal 2014 sette turisti occidentali, neanche trentenni, sono morti in circostanze misteriose. L'ultimo caso è quello della trentenne belga Elise Dallemagne, ritrovata impiccata nella foresta con il corpo sfigurato dai varani. La polizia ha prima puntato il dito contro il guru di un ashram indiano di cui la giovane faceva parte, per poi ripiegare sul suicidio. Ipotesi, però, esclusa dalla madre. Nel 2014 erano stati invece ritrovati i corpi degli inglesi Hannah Witheridge e David Miller, massacrati di notte sul bagnasciuga, nonché quello di Nick Pearson, recuperato in mare. Nel 2015 il francese Dimitri Povse venne ritrovato impiccato, e la giovane inglese Christina Annesley morì a causa di un cocktail di alcol e antibiotici. Nel 2016, il britannico Luke Miller annegò in piscina. E dallo scorso febbraio si sono perse le tracce di una turista russa.
 
PERCHE' ANDARCI
Koh Tao è la più piccola tra le isole del golfo della Thailandia. Ha una superficie di 21 kmq ed è una meta rinomata per gli amanti del diving. Ma l'isola offre anche piccole baie per chi vuole fuggire dal caos dell'alta stagione delle vicine isole di Koh Samui e Koh Phangan. Il suo centro principale è Mae Haad, dove oltre al porto sono presenti le principali attività commerciali. l nome dell'isola deriva dal fatto che, fino a qualche anno fa, molte tartarughe si riproducevano sulle sue spiagge. 
 
DA NON PERDERE
Ko Tao è conosciuta dagli appassionati di immersioni subacquee di tutto il mondo. Da organizzare una tappa, obbligatoria, a Sairee Beach, la spiaggia principale dell’isola: un chilometro e mezzo di sabbia bianca, con tanti resort e locali notturni. 
 
PERCHE’ NON ANDARCI
Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, una polizza assicurativa sanitaria adeguata. Questo perché le strutture locali non sono gratuite e quelle private hanno costi elevati. Inoltre l’illuminazione stradale sull'isola è scadente, quindi si suggerisce di evitare il noleggio di scooter e quad. Meglio i pick-up, almeno durante gli spostamenti notturni. 
 
COSA NON COMPRARE
In Thailandia troverete ovunque sciarpe, statuette e oggettini vari, tra tradizionali mercatini e negozietti più turistici. Particolarmente interessanti sono gli ombrelli  e i ventagli dipinti a mano, ma anche gli arazzi  “kalaga” di velluto nero. Bellissimi i lettini da pavimento per il relax. Peccato che per tante cose non avrete spazio sufficiente in valigia…
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Thailandia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100