Cerca nel sito
Anticitera meccanismo arte greca relitto

Grecia, nuovi tesori emergono da Anticitera

Il celebre relitto continua a regalarci curiosi pezzi di storia

relitto sottomarino
istockphotos
 Relitto
PERCHE’ SE NE PARLA
Resti di statue di bronzo, elementi decorativi e il coperchio di un sarcofago. Sono i nuovi tesori che gli archeologi subacquei hanno fatto emergere dal relitto di Anticitera, una delle più clamorose scoperte sottomarine della nostra epoca. Sul fondo del mare poco al largo dell’isoletta greca, giace infatti una nave antica che alcuni pescatori di spugne ritrovarono agli inizi del 1900. Da allora sono state ripescati elementi preziosi dell’arte greca come l’efebo di Anticitera, la testa di un filosofo, ma soprattutto un macchinario di una complessità estrema in grado di mostrare i movimenti dei pianeti (i 5 allora conosciuti), del Sole e della Luna, e persino di predire le eclissi. Il meccanismo di Anticitera è la ‘star’ dei ritrovamenti del relitto, ma gli archeologi erano convinti ci fossero ancora molti manufatti da recuperare. E infatti, nascosti tra le rocce del fondale, in punti fin’ora mai esplorati, sono emerse altre decine di resti. Che con tutta probabilità condurranno ad altrettanti (si presume vi fossero a bordo della nave almeno 50 statue).
 
PERCHE’ ANDARE
Quasi una sorta di museo sottomarino, il relitto di Anticitera continua ad affascinare. Come uno scrigno da cui emergono tesori. Il naufragio dev’essere avvenuto nel I secolo a.C., ma il meccanismo di Anticitera è così complesso che in un primo momento si fece fatica a collocarlo temporalmente. Questa sorta di planetario è composto da ruote dentate che grazie ad un meccanismo si muovevano andando ad indicare il calendario astrale. Un vero e proprio calcolatore, probabilmente il primo della storia. Potete ammirare questo incredibile manufatto (ci vogliono almeno altri 1000 anni per riscontrarne di simili nella storia) dovete andare al Museo Archeologico di Atene
 
DA NON PERDERE
Antikythera, questo il nome greco, anche nota come Cerigotto (fu per un periodo veneziana) è un’isola molto piccola situata tra il Peloponneso e Creta. Meno nota tra gli arcipelaghi greci, è un ottimo rifugio dal turismo di massa, e vanta scenari mozzafiato con le sue scogliere vertiginose e le piccole baie rocciose. Qui l’Egeo è cristallino, e l’isola è incontaminata e selvaggia. 
 
PERCHE’ NON ANDARE
I suoi punti a favore possono essere anche quelli a sfavore. Le baie sono piccole e rocciose, il vento è sferzante, mancano gli idilli vacanzieri delle altre isole greche. Anticitera è selvaggia come lo sono le isole sperdute in mezzo al mare. Se non amate questo tipo di soggiorno, avete molte altre località più ‘placide’ tra cui scegliere. 
 
COSA NON COMPRARE
Anticitera non pullula di negozi di souvenir (per usare un eufemismo). Ma forse al molo del traghetto troverete qualche shop con riproduzioni del famoso meccanismo antico. 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Grecia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100