Cerca nel sito
Cina Xi'an Shaanxi Storia Archeologia

Cina: quel teschio che riscriverà la storia umana

Con i suoi 3.100 anni di storia alle spalle, Xi’an rappresentava la fine più orientale della Via della Seta

Xi’an, Cina 
Courtesy of ©iStock
Xi’an, Cina 
PERCHE' SE NE PARLA 
L'antico teschio scoperto in Cina nel 1978, risalente a 260mila anni fa, potrebbe riscrivere la storia dell'evoluzione umana. Questo, trovato nella contea di Dali, nella provincia cinese dello Shaanxi, secondo le ultime analisi risulta straordinariamente simile al fossile più antico conosciuto della nostra specie, trovato in Marocco, nella grotta di Jebel Irhoud, negli anni Sessanta. Ciò suggerisce che gli esseri umani moderni non sono esclusivamente discendenti degli africani, come sostenuto dagli scienziati. 
 
Ora si teorizza che piccoli gruppi di primitivi emigrarono prima in Eurasia, circa 200mila anni fa, dove svilupparono le caratteristiche moderne nell'Asia orientale. Poi tornarono in Africa, dove si mescolarono con le popolazioni native. L'homo sapiens si è evoluto da questi gruppi incrociati e si è diffuso in tutto il mondo. Questo che significa che il DNA umano moderno proviene sia da antenati africani che asiatici.
 
PERCHE' ANDARCI 
Lo Shaanxi, provincia nord-occidentale della Repubblica Popolare Cinese, comprende parti dell’altopiano Loess e la catena montuosa meridionale Qinling. Per un tour perfetto in questa regione non si può non partire da Xi’an, famosa soprattutto per il suo esercito di terracotta. Si tratta di uno straordinario insieme di statue (7000 tra soldati, arcieri e cavalli) collocato nel Mausoleo del primo imperatore cinese Qin Shi Huang (260 a.C. – 210 a.C.) a Lintong. Xi’an fu capitale di ben 13 dinastie: con i suoi 3.100 anni di storia alle spalle, rappresentava la fine più orientale della Via della Seta. Da fotografare le sue mura antiche, alte ben 12 metri e lunghe fino a 14 sulla sommità.
 
DA NON PERDERE 
Ecco gli altri luoghi da non perdere. A partire dal monte Hua, a circa 120 chilometri ad est di Xi’an, una delle cinque grandi Montagne sacre cinesi. Longzhou Canyon, invece, è una formazione di roccia arenaria che si trova a sud est di Longzhou, e racconta una storia di 60 milioni di anni. A Baoji c'è invece il Tempio Famen, uno dei primi edifici buddisti di questo tipo in Cina, costruito nel II secolo d.C. per ospitare un osso di un dito del Buddha storico. Interessanti anche le Terme Huaqing, alle falde del monte Li, e gli Yaodong, un particolare tipo di abitazione che risale a oltre 5,5 mila anni fa. Questi si trovano nelle province di Xinjiang, Gansu, Ningxia, Shanxi e Shaanxi
 
PERCHE’ NON ANDARCI 
La provincia dello Shaanxi dista poco da Pechino, ma molto da Shanghai. A meno che non abbiate a disposizione tempo e denaro, sarà difficile conciliare il tutto. Non essendo una zona particolarmente turistica, però, non c'è la stessa attenzione per il visitatore. E potrete riscontrare anche qualche problema con la lingua, cosa non da poco.
 
COSA NON COMPRARE 
Nel mercato dei souvenir la Cina non propone solo draghi e guerrieri antichi, ma anche maschere teatrali, lanterne di carta e riproduzioni dorate del Buddha. Si possono acquistare, anche, i panda di peluche. Quest'animale è uno dei principali simboli del Paese. Anche in versione copricapo, con tanto di orecchie. Evitabile.  
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Cina
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100