Cerca nel sito
HOME  / gusto
specialità piemontesi prodotti tipici itinerari gastronomici piemonte

Viaggio nella tradizione piemontese in 5 specialità

5 prelibatezze dalla lunga storia che rendono più goloso un soggiorno nella regione

Torino, Piemonte, piazza
Courtesy of © Wikipedia
Torino
GELATI PEPINO
Il gelato è una delle specialità più amate dell'estate e non solo. A Torino c'è una gelateria, Pepino, dove la lunga tradizione del gelato va avanti fin dal 1884 e dove ancora oggi si producono prelibatezze preparate secondo le ricette di una volta che vengono esportate e possono essere gustate comodamente in tutta Italia. Nel 1939 fu proprio nei laboratori Pepino che vide la luce e venne brevettato un prodotto destinato a rivoluzionare il mercato della pasticceria fredda: il Pinguino, il primo gelato ricoperto su stecco al mondo, una delizia intramontabile che vanta appassionati ed imitazioni in tutto il pianeta.
 
RISO GIGANTE VERCELLI
Varietà storica delle celebri risaie vercellesi, il Riso Gigante, dopo un lungo periodo di abbandono, è stato riscoperto in tutta la sua eccellenza. Oggi è una varietà particolarmente apprezzata tanto per le suecaratteristiche gustative ed olfattive, quanto per la robustezza della pianta, la capacità di tenere la cottura e per la resa nelle ricette tipiche come quella della Panissa.
 
GRAPPA DI BAROLO IG
La Grappa di Barolo, ottenuta soltanto da vinacce di nebbiolo destinate a Barolo Docg, è prodotta e distillata esclusivamente in Piemonte. Anche l’imbottigliamento avviene su territorio piemontese. Una garanzia per il consumatore, in quanto l’intera filiera è vincolata al territorio d’elezione. Si tratta di una pregiata vinaccia fermentata che esce dai torchi con i profumi intensi e caratteristici. Le vinacce delle nobili uve Nebbiolo vengono subito insilate per proteggerne e conservarne i pregi. La distillazione è lenta, meticolosa, condotta in antichi alambicchi di rame, a bagnomaria.
 
AMARETTI DI MOMBARUZZO
Si narra che i prelibati Amaretti di Mombaruzzo videro per la prima volta la luce grazie ad un economo di casa Savoia nel corso del XVIII secolo. Il suo nome era Francesco Moriondo e pare che all'epoca dello svolgimento delle sue mansioni a corte, si innamorò di una giovane di origine siciliana, anch'ella di servizio presso la casa reale come pasticcera. La specialità della fanciulla era un dolce a base di mandorle del quale portò la ricetta a Mombaruzzo quando la coppia, lasciata casa Savoia, si stabilì nel paese piemontese dove aprì un piccolo laboratorio di pasticceria dove i biscotti alla mandorla vennero perfezionati.
 
BONET
Fresco e “cioccolatoso” il Bonet è uno dei dolci più tipici ed antichi della tradizione piemontese. Nato con ogni probabilità nella zona delle Langhe e del Monferrato, affonda le proprie origini in epoche lontane. Testimonianze riguardanti la presenza sul territorio risalgono, infatti, al XIII secolo quando il suo antenato, preparato secondo una ricetta più semplice e meno ricca di ingredienti, compare tra le portate deibanchetti medievali più sontuosi. Nel corso del tempo, con l'evolversi dei gusti e con l'avvento di nuovi e gustosi prodotti provenienti da oltreoceano, il tradizionale dolce locale ha assunto i connotati con cui oggi è ancora ben noto.
 
 
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione Piemonte
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100