Cerca nel sito
HOME  / gusto
sicilia ricette prodotti tipici itinerari gastronomici

Sfoglio di Polizzi Generosa, dolce delizioso all'ombra delle Madonie

La ricetta vanta una tradizione lunghissima ed un succulento ripieno a base di tuma di pecora

dolcetti frolla marmellata
©Andyd/iStock
Dolcetti di pasta frolla
All'ombra delle Madonie, agli inizi del XVII secolo, è nato un dolce in onore di San Benedetto che racchiude in una deliziosa pasta frolla, un ripieno a base di tuma di pecora. Si tratta dello Sfoglio di Polizzi Generosa che prende il nome dalla bella cittadina che ha dato i natali a questa antica ricetta.

LA TRADIZIONE
Nel cuore del Parco delle Madonie, a Polizzi Generosa, il cui nome deriva da Polis Isidis (“città di Iside”) a cui Federico II aggiunse l'appellativo di Generosa, la Regina Elisabetta d'Aragona fondò un convento per donne intitolato a Santa Margherita che era situato, originariamente, in contrada San Peri. Le monache benedettine ne trasferirono, poi, la sede all'interno del paese. E fu proprio lì che, nel XVII secolo, dalla loro maestria nacque lo Sfoglio di Polizzi Generosa, il dolce tipico di questa bella località siciliana caratterizzato dall'utilizzo, nella farcitura, della saporita tuma di pecora, un formaggio la cui presenza, tra gli ingredienti di un dolce, potrebbe apparire insolita ma che, in realtà, rappresentava un ingrediente molto comune nella cultura gastronomica medievale e rinascimentale.

LA DENOMINAZIONE
Lo Sfoglio è una delle specialità inserite nell'elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) della Regione Sicilia. Al fine di tutelare e preservare l'autentica ricetta locale, i pasticceri di Polizzi Generosa hanno istituito il Consorzio per la tutela e la valorizzazione dello sfoglio.

LE CARATTERISTICHE
Il tipico dolce polizzano si presenta come una gustosa pasta frolla farcita con un ricco e profumato ripieno a base di tuma di pecora, cioccolato fondente, zuccata candita e cannella.

LA PRODUZIONE
Lo Sfoglio è un dolce che non può mancare nelle pasticcerie di Polizzi Generosa dove viene preparato secondo la ricetta tradizionale creata dalle monache benedettine in onore di San Benedetto.

LA CULTURA
A dimostrazione del profondo legame di Polizzi Generosa con la ricetta di questo dolce, ogni anno in paese, alla fine di luglio, viene organizzata una sagra dedicata allo sfoglio, durante la quale, oltre a gustare il dolce, è possibile prendere parte a visite guidate tra i tesori architettonici e naturalistici della zona, e assistere ad esibizioni di falconeria in abiti d'epoca.

IN CUCINA
Lo sfoglio di Polizzi Generosa è un autentico trionfo di profumi e di sapori. Chi non ha la possibilità di assaggiarlo nel luogo in cui è nato, può provare a prepararlo in casa seguendo la ricetta tradizionale pr poi servirlo in tavolo accompagnato da un inebriante Pantelleria Moscato spumante.

La ricetta: Sfoglio di Polizzi Generosa. Ingredienti: Per la pasta frolla: 500 gr di farina 00, 125 grammi di strutto, 125 grammi di zucchero, 2 tuorli, un cucchiaio di miele, mezzo bicchiere di latte, un pizzico di sale. Per il ripieno: 500 grammi di tuma fresca, 100 grammi di cioccolato fondente, 100 grammi di zuccata candita, 2 albumi, 200 grammi di zucchero, un cucchiaino di cannella in polvere.
Impastate velocemente gli ingredienti per realizzare la pasta frolla. Ricavatene una palla che lascerete riposare al fresco. Grattugiate la tuma fresca e fatela colare bene affinché perda l’acqua. Tagliate a scagliette il cioccolato fondente e riducete in cubetti la zuccata candita. Montate a neve gli albumi; impastate la tuma conlo zucchero, unitevi gli albumi, il cioccolato, la zuccata e un cucchiaino di cannella in polvere. Dividete la pasta in due parti, una delle quali un po’ più grande; stendetela in sfogli e usate quello più largo per rivestire fondo e bordi di una tortiera, precedentemente unta d’olio, di circa 26/28 cm di diametro. Versatevi il ripieno, ricoprite con l’altro foglio di pasta ed infornate a 180° per circa mezz’ora. Fate raffreddare bene, poi sformate e spolverate di zucchero a velo con un’ombra di cannella.(TaccuiniStorici.it)

TUTTE LE RICETTE REGIONALI D’ITALIA

IL TERRITORIO
Dominato dal massiccio montuoso delle Madonie, che si erge sulla costa settentrionale siciliana, in provincia di Palermo, il Parco Naturale Regionale delle Madonie è un trionfo di natura mozzafiato che si estende per quasi 40.000 ettari tra il corso dei fiumi Imera e Pollina in un sorprendente susseguirsi di ambienti naturali diversi che donano la piacevole sensazione di fare un suggestivo viaggio nella natura dell'intera isola siciliana. Il territorio vanta, inoltre, una grande ricchezza di testimonianze di differenti epoche storiche che spaziano da edifici religiosi, come chiese rupestri,eremi e monasteri, a masserie e mulini, che dimostrano come questa zona della regione fosse popolata sin da epoca remota.

Leggi anche:
Sicilia: 5 itinerari seguendo l'arte più bella dell'isola
Weekend in Sicilia: itinerario in 5 tappe tra i sapori dell'isola

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE


Saperne di più su GUSTO
Correlati per distretto Madonie
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100