Cerca nel sito
HOME  / gusto
ricette con la zucca prodotti tipici di napoli

Napoli: con la zucca lunga c'è più gusto

La "cucozza zuccarina" della tradizione partenopea è perfetta per preparare la tradizionale pasta con la zucca: la ricetta.

zucca lunga ortaggi cibo verdure cucurbitacea napoli campania
Courtesy of ©http://agricoltura.regione.campania.it
La zucca lunga di Napoli
Amata a livello intercontinentale, con il suo sapore delizioso la zucca è il frutto dell'autunno per eccellenza, ideale per preparare sia ottime pietanze che dolci squisiti. Ne esistono numerose varietà differenti ma in Campania, ed in particolare nella provincia partenopea, la “zucca lunga” è la più gustosa e tradizionale e viene utilizzata per realizzare i piatti più svariati, tra cui la tipica pasta con la zucca alla napoletana.

LA TRADIZIONE Originaria della zona centrale dell'America Latina, la zucca è stata uno dei primi ortaggi, assieme al pomodoro e alla patata, ad essere stata esportati in Europa. Ne esistono numerose varietà ed il nostro Paese ne vanta alcune di grande pregio che, nelle zone di produzione, hanno sviluppato caratteristiche uniche. Proprio come nel caso della “zucca lunga di Napoli” coltura tradizionale campana sviluppatasi in particolare nella zona dell'agro Nocerino-Sarnese ma oggi diffusa in tutta la provincia partenopea. Pur essendo conosciuta in tutta la regione ed apprezzata per le sue caratteristiche distintive che la rendono un ingrediente molto versatile in cucina, oggi la sua coltivazione è considerata a rischio estinzione.

LA DENOMINAZIONE Chiamata localmente anche “cucozza zuccarina”, la “zucca lunga” di Napoli deve il suo nome alla sua forma allungata. Il suo legame con il territorio e con la tradizione agricola e gastronomica locale ne hanno decretato l'inserimento nell'elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT).

LE CARATTERISTICHE La “zucca lunga” appartiene alla specie Cucurbita Moschata e si distingue per la forma clavata, lievemente ricurva e rigonfia all'apice del diametro variabile tra i 15 e i 30 centimetri e lunghezza compresa tra i 60 centimetri ed il metro. La buccia, liscia, sottile e facile da pelare, è di colore verde chiaro o scuro, talvolta con delicate sfumature color arancio e racchiude una polpa di colore arancio intenso, di consistenza soda e di sapore dolce e muschiato. E' un frutto poco calorico ma, al contempo, ricco di vitamine, ed è, inoltre, particolarmente serbevole e molto digeribile.

LA PRODUZIONE Si tratta di un ortaggio che ben si adatta a differenti tipi di terreno anche se predilige suoli profondi, freschi, ben drenati e ricchi di sostanza organica. Viene seminata direttamente in campo tra i mesi di aprile e di maggio, per poi essere raccolta tra luglio e settembre. Correttamente conservata si mantiene a lungo e può essere consumata anche durante tutta la stagione invernale.

LA CULTURA La “zucca lunga” di Napoli è una varietà tradizionale che ha rischiato e, senza gli opportuni provvedimenti, rischia ancora oggi l'estinzione. Per questo è diventata negli ultimi anni oggetto di un programma di stabilizzazione genetica promosso dalla Regione Campania approntato a seguito del recupero del seme rinvenuto nell'orto di un convento di Visciano, in provincia di Napoli.

IN CUCINA Il suo gusto delizioso che si sposa alla perfezione sia con i sapori dolci che che con quelli salati, rende la zucca dolce un ingrediente dalla innumerevoli potenzialità. Può essere consumata cruda per donare un tocco stuzzicante alle insalate, oppure marinata o cotta nei modi più svariati, al forno, alla griglia oppure al vapore. Uno dei modi più classici e sfiziosi di assaggiarla è, però, nella tipica pasta con la zucca napoletana.

La ricetta: Pasta e zucca alla napoletana. Ingredienti: “zucca lunga” di Napoli, pasta, aglio, prezzemolo, olio extravergine di oliva, sale, pepe, peperoncino (facoltativo). In un tegame molto capiente fate soffriggere l'aglio e, se lo desiderate, il peperoncino, in un poco di olio extravergine di oliva. Aggiungete, quindi, la zucca che avrete precedentemente privato di bucce e semi e tagliato a dadini. Fatela insaporire per un paio di minuti aggiungendo anche del prezzemolo tritato. Potete, dunque, rimuovere l'aglio, aggiungere un bicchiere d'acqua e far cuocere la zucca per circa 15-20 minuti.Nel frattempo, fate bollire altra acqua in un pentolino a parte. Quando la zucca sarà molto morbida e comincerà a disfarsi, aggiungete un poco dell'acqua scaldata separatamente e la pasta che farete cuocere per qualche minuto (in base al tempo di cottura) a fuoco lento, aggiungendo, man mano, altra acqua con un mestolo, se si rivelasse necessario. Quando la pasta sarà quasi pronta, aggiungete un altro po' di prezzemolo tritato e, se lo gradite, servite in tavola con una spolverata di pepe per insaporire.

Altre ricette:
Gelo di Mellone palermitano
Panna cotta alle amarene sciroppate di Cantiano
Troccoli alla Burrata di Andria e Pomodori secchi

IL TERRITORIO Adagiata sul pittoresco golfo che porta il suo nome e dominata dalla sagoma maestosa del Vesuvio, Napoli è una città piena di vita oltre ad essere un prezioso tesoro italiano che per la ricchezza delle sue testimonianze storiche, la bellezza dei suoi scorci ed il fascino della sua cultura, è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità UNESCO.
DA VEDERE NELLA PROVINCIA DI NAPOLI: VAI ALLA GUIDA

Leggi anche:
A Napoli tutte le ciambelle vengono con il buco
Zeppole: a Napoli si festeggia San Giuseppe
Roccocò, il Natale di Napoli croccante e profumato


CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100