Cerca nel sito
HOME  / gusto
liguria prodotti tipici mele ricette itinerari gastronomici

Liguria, la dolce mela boccone del prete

E' una delle varietà più gustose e antiche della Liguria ma rischia l'estinzione

mele gialle frutta albero
©crossbrain66/iStock
Mele gialle
Dolce e delicata, la mela boccone del prete è un antico frutto ligure della Val Bormida che deve il suo nome alle caratteristiche di eccellenza. Viene celebrata ogni anno durante il Meladay ed è deliziosa sia cruda che cotta.

LA TRADIZIONE
Originaria dellaVal Bormida, la mela boccone del prete è una delle varietà più antiche presenti nella zona. Deve, con ogni probabilità, il proprio nome alla sua prelibatezza ed alla sua qualità. E', infatti, talmente dolce e delicata da essere considerata un prodotto da destinare, appunto, al prete che un tempo rappresentva la massima autorità del paese. Oggi nella valle si conservano ancora alcuni alberi di questa antica varietà, in particolore due Pallare e due a Mallare, in provincia si Savona.

LA DENOMINAZIONE
La mela boccone del prete, loclamente chiamata anche con il nome dialettale di "mai bocun del preve", viene oggi considerara a rischio estinzione, pertanto la Fondazione Slow Food ha scelto di tutelarla con il so progetto Arca del Gusto.

LE CARATTERISTICHE
Ricoperta da una sottile buccia di colore giallo, la mela boccone del prete si presenta di forma lievemente allungata. La polpa, di colore giallo, ha consistenza densa ed un sapore dolce e delicato dalle gradevoli note profumate.

LA PRODUZIONE
La mela boccone dle prete si raccoglie a fine ottobre e si conserva fino all'aprile successivo. Oggi in Val Bormida si contano poche piante di questa antica varietà che è, pertanto, considerata a rischio estinzione.

LA CULTURA
Ogni anno, il secondo sabato di marzo, nell'ambito del Mercato della Terra di Slow Food, si celebra il Meladay, un evento dedicato alle antiche varietà della zona durante il quale i si incontrano i donatori di marze per l’innesto e i cosiddetti ‘melocustodi’ cioè persone che mettono a dimora le piantine (portainnesti franchi) innestate. Durante la giornata le marze da innestare o le piantine già innestate vengono offerte da un gruppo di esperti.

IN CUCINA
Nei primi mesi, grazie al suo gusto dolce e delicato, la mela boccone del prete viene consumata prevalentemente cruda. Qunado comincia, invece, ad appassire viene generalmente utilizzata cotta.

La ricetta. Focaccia dolce di Mele con Olio extravergine di Oliva e Prescinseua. Ingredienti: 4 grosse mele (800 gr), 120 gr di farina, 120 gr di zucchero di canna + 1 cucchiaio, 100 gr di Prescinseua (quagliata genovese), oppure ricotta cremosa, 80 gr di olio extravergine di oliva, 2 uova freschissime, 2 cucchiai di pinoli, 100 gr di uvetta, un limone non trattato, 1 bustina di lievito per dolci, 1 pz di sale, zucchero a velo.
Pulire ed affettare finemente le mele, metterle nella terrina, mescolarle con l’uvetta (precedentemente ammorbidita con acqua tiepida), 20 gr di zucchero, la scorza grattugiata del limone e un cucchiaio di pinoli. Con la frusta sbattere bene le uova con lo zucchero rimasto, unire la Prescinseua, la farina, il lievito, il pizzico di sale, l’olio evo e amalgamare bene poi con un cucchiaio. Versare il composto sulle mele e mescolare bene. Foderare la tortiera con la carta forno; versare e livellare l’impasto, distribuendo l’ultimo cucchiaio di pinoli e lo zucchero di canna. Infornare a 170° per 50 min. Circa. Far raffreddare almeno tre ore prima di servire. Tagliare la focaccia dolce a quadrotti, e spolverare di zucchero a velo. (lecinqueerbe.it)

IL TERRITORIO
Adagiata tra l'Appennino Ligure, l'entroterra savonese e il basso Piemonte, dove il fiume Bormida confluisce nel Tanaro, la Val Bormida è una vallata popolata sin da tempi remoti che conserva ancora, seppur non sempre intatte, numerose testimonianze di epoca medievale. Oltre ai due centri più importanti (Cairo Montenotte per l'alta valle, Acqui Terme per la bassa valle), vanta altre graziose località tutte da scoprire durante un piacevole itinerario alla scoperta del territorio, come Cengio che, nella frazione di Rocchetta custodisce due delle più interessanti tipicità gastronomiche della valle: la zucca di Rocchetta, e il moco.

Leggi anche:
Borgomaro: l'entroterra ligure che fa battere il cuore
Liguria: visioni celestiali nel Parco dell'Antola

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Monumenti nelle vicinanze
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100