Cerca nel sito
HOME  / gusto
Prodotti Igp Puglia ricetta con limone Femminello del Gargano

In Puglia il limone di San Valentino

Femminello del Gargano: unico per aromaticità dei profumi, è il limone più antico d'Italiae si caratterizza per l'alta percentuale di succo nella polpa

agrumi
iStock
Limoni
Scorza sottile al cui interno vengono custididi spicchi ricchi di succo aromatico. La superficie interessata alla produzione del Limone Femminello del Gargano IGP è storicamente identificata come “Giardini d’agrumi del Gargano”. I limoneti sono maggiormente legati alla fascia più prossima al mare di questa zona della Puglia.
 
LA TRADIZIONE La tradizione agrumaria dei comuni interessati è frutto di una ormai ultra secolare pratica che, almeno dalle fonti storiche disponibili, era fiorente già nel XI secolo. In un documento (Leone d’Ostia), si narra di come nel 1003 Melo, principe di Bari, incontratosi con alcuni pellegrini normanni nell’atrio della Basilica dell’Arcangelo sul Gargano, li invogliò alla conquista delle Puglie. E, per dar loro prova della ricchezza e della feracità di quei luoghi, spedì in Normandia una certa quantità di frutti, tra cui i “pomi citrini” del Gargano, corrispondenti al melangolo (arancio amaro).
 
LA DENOMINAZIONE Riconoscimento denominazione nel Febbraio del 2007. Gli agrumi del Gargano, tra cui il Limone Femminello, sono unPresidio Slow Food, sostenuto dal Parco Nazionale del Gargano. Il Presidio ha promosso la nascita del Consorzio per la valorizzazione e la tutela degli agrumi del Gargano.
 
 
LE CARATTERISTICHE Il Limone Femminello del Gargano IGP presenta una forma sferoidale o ellittica. Può essere “a scorza gentile” (lustrino) o “oblungo”. Il primo ha la buccia particolarmente liscia e di spessore sottile, colore giallo chiaro, ed un peso non inferiore ad 80 grammi; il secondo presenta invece una buccia di spessore medio, più o meno liscia, colore citrino intenso, ed un peso non inferiore a 100 grammi.
 
LA PRODUZIONE La zona geografica di produzione (e confezionamento), si trova nella provincia di Foggia e comprende i territori dei comuni di Vico del Gargano, Ischitella e Rodi Garganico, ovvero il tratto costiero e sub-costiero settentrionale del promontorio del Gargano, che va da Vico del Gargano a Rodi Garganico, fin sotto Ischitella.
 
LA CULTURA Sin dal 1700 ogni anno a febbraio una lunga processione, in onore di San Valentino, eletto a santo protettore degli agrumeti – in prima fila i giardinieri di Vico, Rodi ed Ischitella – culmina sul colle del Carmine, per benedire piante e frutti di aranci e limoni. L’agrumicoltura del Gargano è ancora una forma di “agricoltura tradizionale”, con lavori manuali, in cui maestro è ancora il potatore; quella del Gargano si delinea come una forma di agricoltura che nel corso del tempo ha maturato un patrimonio di conoscenze agronomiche tramandatasi di generazione in generazione.
 
IN CUCINA Il limone in cucina è un classico, sia per il suo prezioso aroma, sia per il potere di facilitare la digestione dei cibi (soprattutto carni, pesce, fritti), sia come gustoso sostituto dei condimenti grassi. Il limone ha inoltre il potere di prevenire l’ossidazione, che si manifesta con l’assunzione di un colorito più scuro nei cibi freschi, come frutta e verdura tagliate; per questo quindi, oltre
che per produrre il caratteristico succo, si aggiunge alla macedonia. Anche per il dopo pasto, un limone sta bene in cucina: è infatti un ottimo coadiuvante della digestione (eccezion fatta per chi è soggetto ad acidità di stomaco). 
 
 
LA RICETTA Limoni ripieni. Ingredienti: 2 limoni grandi; 150gr tonno sott'olio; 1 manciata capperi; 1         
manciata olive verdi in salamoia; 1spicchio aglio; 1 limon e(solo il succo); olio d'oliva extra vergine; prezzemolo; capperi per guarnire; pepe; sale. Tagliate i limoni in due parti, in modo da avere quattro calottine e svuotateli accuratamente. Tritate nel mixer il tonno con i capperi, le olive e l'aglio e condite con poco sale e pepe. Aggiungete l'olio con il succo del limone e riempite le calottine. Guarnite con foglioline di prezzemolo e qualche cappero.
 
Altre ricette
 
IL TERRITORIO Rinomata ed apprezzata località balneare, Rodi Garganico rappresenta una meta ricca di fascino anche per i viaggiatori alla ricerca di caratteristiche testimonianze storiche e culturali e di aree di elevato interesse naturalistico. Da non perdere le numerose chiese ed il santuario della Madonna della Libera, il Vuccolo (la zona portuale) e, soprattutto, il pittoresco quartiere Chepabbash, un piccolo borgo marinaro caratterizzato da stretti vicoli, piazzette nascoste e terrazze panoramiche, costruito dai pescatori per rispondere all'esigenza di ripararsi dai venti invernali senza coprire a visuale del mare. Vico del Gargano, inserito nella lista dei Borghi Più Belli d'Italia è un vero e proprio gioiello. Soprannominato “paese dell'amore”, vanta il pittoresco Vicolo del Bacio, una romantica stradina molto stretta, frequentata dalle coppie d'innamorati soprattutto durante la festa patronale di San Valentino. VISITA IL GARGANO: VAI ALLA GUIDA
 
Leggi anche
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100