Cerca nel sito
HOME  / gusto
Sagre Emilia Romagna Sagra del Bartolaccio di Tredozio

In Emilia Romagna a gustare il “bartlaz”

A Tredozio la 32esima sagra dedicata al tipico fagottino cotto alla lastra

ravioli tortilla pasta ripiena casoncelli
©_jure/iStock
Pasta ripiena
Novembre tempo di “bartlaz”, il simbolo gastronomico per eccellenza di Tredozio. Siamo in provincia di Forlì, lungo il crinale che suddivide Romagna e Toscana. La cittadina, posta a 334 metri sul livello del mare, offre una splendida vista. Accoglienza, e convivialità sono gli elementi distintivi di Tredozio, insieme al bartolaccio, specialità gastronomica dalla forma a mezzaluna.
 
BARTOLACCIO: UN CUORE CALDO DI PATATE COTTO ALLA LASTRA
 
Si tratta di un fagottino imbottito, ricco di profumi, dal sapore pieno. Il composto chiuso in una sottile sfoglia, è realizzato con patata gialla passata in purea, pancetta di maiale, grana stagionato, sale, pepe e altre spezie. Va cotto alla lastra e solitamente viene consumato insieme a un buon Sangiovese della vallata del Tramazzo-Marzeno.
 
 
L’appuntamento con la Sagra è per domenica 5 novembre in Piazza Vespignani. L’intera cittadina si risveglia con i profumi che il bartolaccio emana, già cotto e pronto per essere mangiato. Insieme ai bartlaz, anche le tipiche pietanze contadine come “la paciàrela”, polenta sottile condita con porri e fagioli e la classica polenta gialla al paiolo condita con ragù di carne. Non mancheranno le castagne dell’Alto Mugello, con le quali  gli chef della Pro Loco prepareranno tradizionali dolci, torte al forno, fragranti tortellini. Senza dimenticare le più classiche caldarroste da abbinare al vin brulè.
 
La sagra si ripeterà anche il 12 novembre con le stesse modalità della domenica inaugurale e con le stesse specialità caratteristiche, protraendosi fino a sera con spettacoli itineranti, l’area del mercato e dei banchi d’ingegno. La sagra sarà anche l’occasione per visitare Tredozio e i suoi dintorni. 
 
Leggi anche: EMILIA ROMAGNA SULLE DUE RUOTE (Stile.it)
 
Via XX Settembre attraversa il centro storico del paese. Percorrendola è possibile ammirare le numerose strutture risalenti al ‘600 e al ‘700. Lungo questa via è possibile visitare la Chiesa della Compagnia del SS. Sacramento e della Beata Vergine delle Grazie risalente al XIV sec. Proseguendo per la via si raggiunge Palazzo Fantini: al suo interno è possibile visitare il Museo della Civiltà Contadina e la Biblioteca “Panciatichi”. Da non perdere anche il centro visita dedicato al capriolo
 
TREDOZIO: LA CITTADINA ROMAGNOLA RICCO DI STORIA
 
A pochi minuti dal centro storico, si trova il Castellaccio, l’antico castello dei Conti Guidi di cui rimangono solo le rovine. Tredozio, insieme con Bagno di Romagna, Portico di Romagna, Premilcuore e Santa Sofia, è uno dei cinque comuni dell’Appennino romagnolo all’interno del Parco Nazionale delle Foreste casentinesi, Monte Falterona e Campigna.
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100