Cerca nel sito
HOME  / gusto
Ricette di Giugno a base di mortadelle tipiche italiane

Giugno, un menu a base di mortadelle italiane

Dalla mousse alle zucchine ripiene con il gusto di uno dei salumi più apprezzati

ortaggi preparati con ripieno di ricotta e mortadella
iStock
Zucchine ripiene di ricotta e mortadella
MORTADELLA DI PRATO
La Mortadella di Prato è un salume cotto speziato di stampo medievale, dal gusto unico, frutto del contrasto fra il sapore caldo e pungente delle spezie, dell'aglio e del sale marino, e quello dolce e delicato dell'alchermes. La scelta dei tagli di carne utilizzati nella lavorazione tradizionale, l'assenza di glutammato e la particolarità degli ingredienti,  rendono questo salume unico nel panorama gastronomico italiano. Vai alla ricetta: Mousse di Mortadella di Prato

 
SPIANATA ROMANA
Un insaccato tipico del Lazio aromatizzato nel famoso vino Frascati (quello dei Colli romani). La Spianata, conosciuta anche come mortadella romana, contiene cubetti di lardo nella carne tritata, ma non è cotta come le mortadelle “tradizionali”. Viene prodotta nel Lazio da una decina di aziende e anche dalle grandi marche industriali dell’agroalimentare. Il suo segreto rimane l’aglio fresco schiacciato nel vino durante la fase di aromatizzazione. Può capitare la fortuna di trovarla ancora prodotta alla maniera tradizionale, pressata fra due assi di legno. Vai alla ricetta: rustici romani

 
Regina della salumeria bolognese e fra le mortadelle italiane. La simbiosi tra la mortadella e Bologna è talmente radicata che questo prodotto viene spesso chiamato semplicemente la "Bologna". Fino a qualche decennio fa, il capoluogo emiliano veniva definito la "grassa"; un esempio di come il gustoso salume rappresenti l'unicità del rapporto territorio-prodotto. La Mortadella Bologna ha ricevuto l’Igp nel 1998. Vai alla ricetta: risotto alla birra e mortadella
 

 
MORTADELLA DI CAMPOTOSTO
Campotosto, all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, è la patria delle omonime mortadelle. Conosciute anche come “coglioni di mulo” (data la forma e la vendita a coppie). Ovoidali, legate a due a due con uno spago annodato a mano, sono prodotte con le stesse regole del passato, quando le famiglie del paese lavoravano insieme in un’insolita corvée comunitaria per produrre le mortadelle che venivano consumate a partire dalla Pasqua. Al taglio la fettina è di colore rosso intenso, scuro, con il lardello bianchissimo, in bocca è cuoiosa e compatta e il lardello è dolce e croccante. Vai alla ricetta: Frittata con coglioni di mulo


 
MORTADELLA DI AMATRICE
Un salume PAT della regione Lazio che viene prodotto ancora come tre secoli fa. La “marotta” è realizzata nella provincia di Rieti, nei comuni di Amatrice, Accumoli e Leonessa. La peculiarità di questo salume è di potersi conservare più a lungo di altri e di poter essere consumato fino alla produzione dell'anno successivo. Si tratta di un affettato a grana fine di carne suina di prima qualità, con lardello centrale. Presenta forma tondeggiante e sapore intenso, appena piccante. Vai alla ricetta: Zucchine ripiene di ricotta e Mortdella di Amatrice

Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione Toscana
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100