Cerca nel sito
HOME  / gusto
Sagre Emilia Romagna Festa del Maiale di Monghidoro

Emilia Romagna, la Festa del Maiale

Una domenica all'insegna del gusto con la carne del suino di Monghidoro

preparazione salsicce
iStock
Preparazione salsicce fresche
La fine di febbraio e l’inizio di marzo segnano il passaggio dalla fine dell’inverno all’inizio della primavera. È in questo periodo che si scoprono i sapori tipici del territorio legati soprattutto alle sagre e agli eventi di cucina. A segnare la fine dell’inverno sono le ultime feste dedicate al maiale, appuntamenti che rievocano l’antica usanza della lavorazione della carne suina durante la stagione fredda per conservarla nei mesi a venire. 
 
A MONGHIDORO L’ANTICA ARTE DELLA MACELLAZIONE DEL MAIALE
 
L’11 marzo a Monghidoro, in provincia di Bologna, torna la tipica Festa del maiale. Un appuntamento che coinvolge tutto il centro storico del comune bolognese sull'Appennino emiliano. Monghidoro è situato lungo la strada della Futa, e nel corso dei secoli è stato luogo di passaggio obbligatorio tra la Pianura padana e l'Italia centrale. La cittadina si trova a pochi chilometri dalla Toscana. E come la regione “vicina”, festeggia il maiale a suon di “un si butta via nulla!”
 
 
Lungo le strade del paese sarà possibile, fin dal mattino, ammirare come si lavora la carne di maiale. I maestri norcini prepareranno salsiccia, salami, coppa, ciccioli. E sarà possibile acquistare la carne appena lavorata a prezzi veramente vantaggiosi. Non mancheranno i mercati dei prodotti tipici, degustazioni di piatti regionali e intrattenimento con musica e spettacoli. 
 
 
La Festa del Maiale giunge quest’anno alla sua XIII edizione. Come per le edizioni passate, i menu dei ristoranti onoreranno il maiale con ricette tipiche o originali abbinamenti. La tradizione della macellazione del maiale a uso familiare è ancora diffusa a Monghidoro. Ed è disciplinata da una normativa risalente al 1928. Ai contadini è consentita la macellazione fino a quattro suini, a condizione che gli animali siano allevati per un determinato periodo di tempo e nel porcile di proprietà. È così che la lavorazione può avvenire in casa. Ed è in questo modo che si riesce a mantenere vive tradizioni e cultura di un territorio.
 
EMILIA ROMAGNA: A MONGHIDORO TRA NORCINERIA, PIATTI TIPICI E ARTIGIANATO
 
I norcini monghidoresi sono portatori di un’antica arte le cui abilità sono tramandate da generazione in generazione. Al gusto viene anche accompagnato l’interesse del territorio per l’artigianato, altro orgoglio di questa zona “di confine” dell’Emilia Romagna.
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100