Cerca nel sito
HOME  / gusto
calabria prodotti tipici dolci natale ricette scaudet

Calabria, gli scaudet dalle suggestioni albanesi

La ricetta delle ciambelline di farina di castagne tipiche della valle del Crati

farina di castagne
©al62/iStock
Farina di castagne
Dolce tipico delle popolazione albofone della Calabria, gli scaudet sono deliziose ciambelline di farina di castagne tipiche della valle del Crati. Si tratta di un prodotto di nicchia che può essere gustato soltanto in alcune occasioni ed in alcuni locali della zona ma che può essere preparato in casa seguendo la ricetta tradizionale.

LA TRADIZIONE
Era il XVI secolo quando, a seguito della conquista ottomana, alcune popolazioni Albanesi cristiane lasciarono il loro Paese per stabilirsi in Calabria. Il timore delle persecuzioni le spinse a fuggire dalle proprie terre per di origine fondare nuovi centri abitati dislocati, per lo più, nelle aree montane attorno alla valle del Crati. Ed è proprio dalla cultura albanese delle antiche popolazioni Arbresh che deriva uno dei dolci della tradizione locale. Si tratta degli scaudet, deliziose ciambelline fritte a base di farina di castagne che venivano servite soprattutto in occasione delle Feste perchè nel periodo che le precedeva le famiglie avevano l'abitudine di raccogliere le castegne e di farle essiccare per ricavarne della farine da utilizzare per le proprie preparazioni.

LA DENOMINAZIONE
Quella degli scaudet è, dunque, una ricetta tipica delle popolazioni albofone della provincia di Cosenza stabilitesi nella valle del Crati ed, in particolare, a San Martino di Finita e nei paesi limitrofi. La sua tradizione, con il trascorrere del tempo, rischia di essere abbandonata e per questo la Fondazione Slow Food ha coinvolto gli scaudet nel progetto Arca de Gusto finalizzato alla salvaguardia e alla promozione delle specialità tradizionali italiane e del mondo.

LE CARATTERISTICHE
Gli scaudet sono gustosi dolcetti preparati con farina di grano duro e farina di castagne impastate con acqua e uova. Hanno la forma di ciambelline di circa 5-6 centimetri di diametro che vengono fritte e servite tiepide o fredde. Hanno una piacevole consistenza morbida e friabile e al palato si distinguono per il tipico sapore dolce della farina di castagna.

LA PRODUZIONE
Oggi è quasi impossibile trovare gli scaudet in commercio. Vengono generalmente prodotti in ambito familiare ma possono ancora essere gustati durante le feste popolari e in alcuni agriturismi della zona della valle del Crati.

LA CULTURA
Con il passare del tempo molte delle tradizioni della comunità albanese di Calabria vanno via via scomparendo. Sono numerose le associazioni culturali che si stanno impegnando per garantirne la sopravvivenza, ma nonostante gli sforzi profusi l'antica cultura arbresh calabrese è a forte rischio di estinzione.

IN CUCINA
La ricetta degli scaudet è ancora quella di un tempo, pertanto chi ha la fortuna di poter assaggiare le deliziose ciambelline locali potrà assaporare il gusto tipico dell'antica tradizione albanese di Calabria. Chi non dovesse riuscire a reperire gli scaudet ma fosse curioso di scoprirne il sapore, può comunque provare a prepararli in casa seguendo la ricetta tradizionale.

La ricetta: Scaudet. Ingredienti: farina di grano duro e farina di castagne in rapporto di uno a quattro, un uovo per ogni chilo di farina, acqua, olio extravergine di oliva. Mesclate le farine ed impastatele accuratamente con l'acqua e le uova. Dall'impasto ottenuto ricavate delle ciambelle di diametro di circa 5-6 centimetri e dello spessore di circa un centimetro. Immergetele in acqua bollente per qualche minuto, poi, una volta fredde e asciutte, friggetele in abbondante olio extravergine di oliva. Servitele tipide o fredde. (fondazioneslowfood.com).

IL TERRITORIO
Piccolo scrigno di arte, sapori e artigianato, la valle del Crati prende il nome dal fiume più importante della Calabria. Il centro pincipale è Acri, adagiato ai piedi della Sila Greca. Il paesaggio è un affascinante susseguirsi di rilievi che da morbide colline si trasformano in alte montagne regalando un territorio estremamente variegato che, non a caso, dona una grande varietà di prodotti di elevata qualità.

Leggi anche:
Caccuri, in Calabria un borgo da favola
Crotone, porte aperte alla Magna Grecia
La Calabria di Gente di Mare
Il caviale “di fuoco”
Calabria: dalla Sila il gusto caro a Ippocrate
Calabria: a Rossano secoli di liquirizia

CONSIGLI PER IL WEEKEND
PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100