Cerca nel sito
HOME  / cuore
Campania mete di coppia arcipelago Li Galli costiera amalfitana

Li Galli, l’arcipelago delle sirene

Tra gli isolotti che compongono questo gioiello a due passi dalla Penisola Sorrentina, la giusta scenografia per cene a lume di candela e romantiche gite in barca

Arcipelago Li Galli visto dai Colli di Fontanelle
Courtesy of©ZetaZeti/Wikipedia Commons
Arcipelago Li Galli visto dai Colli di Fontanelle
C’è chi lo considera come una meta prevalentemente estiva e chi, invece, ne sa cogliere il lato romantico anche fuori stagione: il mare è una realtà che, dodici mesi l’anno, sa come regalare intense emozioni. Al bando le solite rotte: ritagliarsi un momento di evasione vuol dire rifugiarsi là dove la massa non arriva e non sempre serve passare decine di ore in volo per raggiungere isole e atolli sperduti: la destinazione dei sogni infatti la si può incontrare più vicino di quanto si possa immaginare, esattamente in Campania. Ebbene sì, a fare battere i cuori è Li Galli, un arcipelago formato da tre isolotti rocciosi e solitari noti come Gallo Lungo, La Rotonda e l’isola Dei Briganti (spesso nota come Castelluccio), tutti appartenenti all’Area Marina Protetta di Punta Campanella e posizionati a pochi chilometri a sud della Penisola Sorrentina
Qui, dove l’azzurro del mare e quello del cielo si incontrano in un sapiente connubio di cristalline sfumature, a colpire è in primis la sua forma che molto ricorda quella di un delfino e che dire invece delle leggende che lo circondano? Li Galli, noto anche come “Le Sirenuse”, è stato il terreno d'azione delle sirene, creature fantastiche che simboleggiano i pericoli del mare visto che, con il loro fascino ingannevole, ammaliavano i marinai al punto di distrarli e farli naufragare: fu proprio qui che Ulisse, come scrisse Omero nell’Odissea, facendosi legare all’albero della sua nave su consiglio della maga Circe, riuscì a resistere a quei canti melodiosi senza rimanerne vittima.

Tra leggenda e realtà, la magia di questo microcosmo appartato innamorò il coreografo e ballerino russo Leonide Massine che decise di acquistare l’intero arcipelago talmente fu rapito dal silenzio di quei paesaggi selvaggi dall’incomparabile bellezza in grado di suscitare un totalizzante senso di pace. La sua presenza lo portò a trasformare quello che un tempo era un arcipelago completamente disabitato nel suo eden felice: decise così di edificare una villa, sui resti di una costruzione di epoca romana, avvelandosi del tocco magico dell’archistar Le Corbusier. Alla sua morte il testimone passò nelle mani di un altro nome caro al mondo della danza, Rudolf Nureyev, il cui sogno era quello di realizzare, proprio qui, una scuola di ballo destinata a ospitare giovani talenti in cerca di ispirazione artistica ma, purtroppo, ogni speranza svanì con la sua morte che portò l’arcipelago, nel 1993, nelle mani dell'albergatore Giovanni Russo. Trattandosi di una proprietà privata, è possibile visitare Li Galli solo su invito ma ciò non deve scoraggiare perché anche dal mare, organizzando un tour in barca, si può scorgere questa dimensione che spalancò le braccia a illustri personalità come Greta Garbo, Anna Magnani, Ingrid Bergman e ancora Jacqueline Kennedy e Aristotele Onassis, solo per citarne alcuni, tutti affascinanti da quel contenitore di storia e natura dichiarato dai Beni Culturali, dal 1987, “area di importante interesse archeologico”.
 
Mantenendo le distanze, ci si può comunque concedere una cena romantica approfittando di quelle strutture che, oltre a cibo di qualità, offrono una scenografia mozzafiato: succede al "Dolce far niente", ristorante sito all’interno del Casale Villarena Relais, una dimora storica collocata in quel di Massa Lubrense, uno dei luoghi più incantevoli della Penisola Sorrentina, il posto giusto per rilassarsi lasciandosi coccolare dai proprietari che sanno come rendere ogni sosta memorabile. Tra i profumi del limoneto, la tranquillità di una location intima e la cucina dai sapori autentici, ci si trova nel posto giusto per regalare alla propria dolce metà una privilegiata vista sul golfo di Napoli e le isole de Li Galli. Qui ci si può anche dilettare tra i fornelli prendendo parte alla lezione di cucina "Mamma Mia", un'esperienza molto divertente che insegna i segreti della pasta fatta in casa, dagli gnocchi ai ravioli passando per le tagliatelle, la lasagna etc. perchè l'amore è anche mettersi in gioco e condividere passioni.
Saperne di più su CUORE
Correlati per regione Campania
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100