Cerca nel sito
Taormina monumenti da vedere Palazzo Corvaja

Taormina, i segreti di Palazzo Corvaja

Una delle più alte testimonianze del gotico siciliano sorge nella zona dove un tempo c'era l'antica agorà greca

Facciata di Palazzo Corvaja
©iStockphoto
Taormina, Palazzo Corvaja
Passeggiando per Taormina ci si imbatte in bellissime architetture medievali come i palazzetti merlati, cosi chiamati perché sulla sommità sono visibili le merlature a coda di rondine che rimandano a quei dettagli moreschi dell’architettura siciliana che, tra il XII e il XV secolo, hanno definito il gotico siciliano. Con l’uso policromo dei materiali come la pietra lavica o la pietra di Siracusa e Taormina l’aspetto di questi palazzi appare meno austero e la tendenza è quella di dare maggiore importanza all’ampiezza delle forme piuttosto che all’altezza. Ecco che spicca tra tutti Palazzo Corvaja, che sorge nella zona dove un tempo c’era l’antica agorà greca poi foro romano, ovvero il centro delle attività politiche e sociali della civiltà greco romana.

Leggi anche: TAORMINA, LE COSE DA FARE IN COPPIA 

Il palazzo prende vita da un’antica torre araba il cui corpo è ancora visibile nella corte dove si apre l’accesso al primo piano. Dall’epoca normanna a quella sveva la struttura ha subito diversi lavori di ammodernamento: viene infatti aggiunto il fabbricato merlato con il Salone del Maestro Giustiziere, in cui si esercitava e amministrava la giustizia in epoca medievale e che si dice fosse collegato ad un passaggio sotterraneo, unito al cortile esterno del giardino alle spalle dell’edificio che consentiva il trasferimento dei prigionieri. Anche la scala esterna che collega il cortile con il primo piano è della stessa epoca. Sul pianerottolo si trovano tre pannelli di pietra, scolpiti ad altorilievi, che rappresentano la Creazione di Eva, il Peccato Originale e la Cacciata dal Paradiso.

Leggi anche: TUTTI A TAVOLA A TAORMINA 

L’ala destra del palazzo, la più imponente, è databile al primo decennio del Quattrocento quando viene realizzata la Sala del Parlamento, il grande spazio ricavato per esigenze legate alla storia e alla diplomazia. Dal 1538 al 1945 l’edificio entra a far parte del patrimonio della famiglia Corvaja. Nel 1938 la famiglia commissiona un nuovo restauro e dopo un periodo d’abbandono in seguito agli avvenimenti bellici  gli fu restituita l’antica bellezza dello stile gotico fiorito siciliano. Nel 1950, su progetto dell’architetto Giuseppe Sivieri, viene realizzata la sala ottagonale, adiacente al corpo trecentesco. Oggi Palazzo Corvara è uno degli elementi più importanti che caratterizzano la storia di Taormina, ed ospita il Museo Siciliano di Arte e Tradizioni popolari dove sono esposti reperti di cultura figurativa e artigianato artistico come sculture lignee, presepi, ceramiche, elaborati pezzi di carretto siciliano, cartelloni dell'opera dei Pupi, preziosa testimonianza della vita siciliana.

Scopri tutti i MONUMENTI D’ITALIA
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Sicilia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100