Cerca nel sito
Picasso, mostra, Newton, Napoli

Primavera di mostre a Napoli

Da Newton a Picasso passando per Kokocinski, la primavera partenopea è nel segno dell'arte 

Tied Up Torso
© Helmut Newton Estate
Tied Up Torso from the series Big Nudes, Ramatuelle, 1980
Nuova tappa per la mostra Helmut Newton. Fotografie. White Women / Sleepless Nights / Big Nudes che dal 25 febbraio al 18 giugno 2017 rimarrà allestita al PAN, Palazzo Arti Napoli. In mostra per la prima volta nella città partenopea oltre 200 immagini di uno dei fotografi più importanti e celebrati del Novecento. L’esposizione, curata da Matthias Harder e Denis Curti è frutto di un progetto, nato nel 2011 per volontà di June Newton, vedova del grande fotografo e presidente della Helmut Newton Foundation. Obiettivo della mostra è presentare i temi distintivi dell’immaginario artistico di Helmut Newton, offrendo la possibilità ai visitatori di comprendere fino in fondo il suo lavoro come mai prima d’ora.
 
In occasione del centenario del viaggio che Picasso compì a Napoli e Pompei insieme a Jean Cocteau per collaborare con la compagnia Balletti Russi alla realizzazione dello spettacolo “Parade”, il Museo di Capodimonte e L'Antiquarium di Pompei presentano la mostra Picasso e Napoli: Parade. La mostra a cura di Sylvain Bellenger e Luigi Gallo vuole sottolineare l’importanza dell’incontro diretto di Picasso con l’antichità a Pompei e soprattutto con la cultura tradizionale napoletana, aspetto totalmente nuovo negli studi picassiani, attraverso alcune fra le sue maggiori espressioni - il presepio, il teatro popolare e il teatro delle marionette. Con Parade, il pittore cubista torna alla sua prima ispirazione legata al mondo del circo, rinnovando inoltre l’interesse per la tradizione classica, evocata poi da Cocteau con il suo “Richiamo all’ordine".
 
Rappresenta l’ideale prosecuzione dell’esposizione realizzata nel Museo di Palazzo Cipolla a Roma nell’anno 2015, la personale che il Museo Archeologico Nazionale di Napoli dedica a Alessandro Kokocinski. Fino al prossimo 5 giugno “Kokocinski. La Vita e la Maschera: da Pulcinella al Clown”, presenta un corpus di oltre settanta opere polimateriche dalle tecniche fortemente innovative come dipinti, sculture, altorilievi, installazioni, disegni, filmati, versi poetici, libri d’artista, ispirate alla metamorfosi della “maschera”, che l’artista definisce “mediatrice fra noi e il vuoto insondabile celato”, la cui iconografia accompagna da sempre la storia e la storia dell’arte: fra mito, finzione, realtà.
 
 
I PIU' BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Campania
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100