Cerca nel sito
Patrimoni Unesco Italia: Ferrara e Parco del Delta del Po

Ferrara e il Delta del Po: cultura e natura da Unesco

La città estense è nella lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità anche per la vasta area del delta del Po

Cattedrale di Ferrara, dettaglio
©iStockphoto
Dettaglio della Cattedrale di Ferrara
Ferrara affonda le proprie radici nel VI secolo, quando nasce come porto fluviale nel territorio padano a sud del Delta del Po, trasformandosi durante il Medioevo in un importante centro commerciale e politico. E’ però con l’inizio dell’epoca estense che arriva a risplendere a livello internazionale grazie all’architettura e al prestigio internazionale che la portano ad essere una delle corti più affascinanti di tutta Europa. Con l’intero territorio che viene coinvolto dal progetto di ristrutturazione ambientale vengono costruite le cosiddette Delizie Estensi anche oltre le mura: si tratta di residenze ideate come ritiri estivi o casini da caccia che accoglieva la corte itinerante. Se contavano 53 tra la città e la campagna ed avevano funzioni di carattere economico, politico e strategico oltre che di rappresentanza. Le Delizie estensi, con la città di Ferrara e il Parco interregionale Delta del Po che illustrano in maniera egregia l’influenza della cultura del Rinascimento sul paesaggio naturale, sono Patrimonio Unesco.

Leggi anche: Passeggiando per Ferrara mano nella mano

Tra le tante opere d’arte di cui la città è ricca, complici le opere di alcuni dei più grandi maestri come Piero della Francesca, Jacopo Bellini e Andrea Mantegna, spicca la celebre Cattedrale di San Giorgio, con la sua facciata divisa tra stile romanico nella parte inferiore e stile gotico in quella superiore. Il maestoso Castello Estense è il simbolo cittadino che domina il panorama urbano con le sue torri, le mura merlate e i profondi fossati. Tra le altre architetture storico il Palazzo Municipale è oggi sede del Comune mentre Palazzo Schifanoia ospita il Museo di Arte Antica e Palazzo Costabili il Museo Archeologico Nazionale. Palazzo dei Diamanti, all’interno del quale si trova la Pinacoteca Nazionale, è particolare per la sua facciata bugnata in marmo bianco e rosa.

Leggi anche: Scoprire Ferrara in 5 imperdibili tappe

Tra le altre peculiarità di Ferrara c’è l’incantevole rete di strade che compongono la sua struttura urbanistica, basata su un progetto voluto dagli Estensi e sviluppato dal XIV secolo in poi, nota come Addizione Erculea. Si può considerare il primo esempio di moderna pianificazione urbanistica e rende Ferrara una delle poche grandi città italiane a non essere stata impostata originariamente su pianta romana. Invece che a partire da un centro, si sviluppa infatti su un asse lineare lungo le rive del Po, con strade longitudinali e incroci. Ecco come Ferrara riesce ad incantare vista e spirito: nel corso dei secoli ha infatti saputo fondere in perfetta armonia opere umane e naturalistiche rendendola una destinazione unica.  
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Emilia Romagna
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100