Cerca nel sito
Bologna museo flipper Tilt

A Bologna uno spazio dedicato al flipper 

Per i nostalgici cultori del mitico gioco elettronico da bar

flipper
istockphotos
Flipper
C’è un posto a Bologna che si chiama Spazio Tilt, e racchiude una parte degli apparecchi che compongono la collezione Tilt! Di cosa stiamo parlando? Di flipper, naturalmente. Un progetto voluto da Federico Croci, appassionato collezionista dei biliardini elettronici, e l’associazione Tilt!, nata nel 1994 e diventata una sorta di museo per i cultori dei famosi giochi da bar. Qui si possono ammirare alcuni dei 400 flipper della collezione, che comprende alcuni antesignani del gioco, tra cui macchinari funzionanti con una moneta risalenti alla fine del 1800.

Ma la sua origine potrebbe essere ancora più antica: il flipper deriverebbe infatti dalla Bagatelle, un gioco già diffuso all’epoca del Re Sole che consisteva nel far correre delle biglie di acciaio su un piano inclinato grazie ad un attrezzo con molla e pistone. Il primo apparecchio con le palette che danno il nome al gioco ‘flipper’ nasce negli Stati Uniti negli anni ‘30 (chiamato pinball), e diventa immediatamente un passatempo diffuso nel mondo, con un picco di successo negli anni '50. Si trova in tutti i bar fino agli anni ’80 in cui la produzione cessa. Evolvendosi man mano che l’elettronica si affinava, i flipper cambiavano funzionamento ma non il principio base: lanciare la pallina grazie alle due alette e cercare di colpire alcuni bersagli, senza andare in tilt, ovvero causare l’interruzione del gioco (è proprio da qui che deriva l’espressione figurata di ‘andare in tilt’).

In epoche diverse il flipper divenne oggetto di regolamentazioni relative al gioco d’azzardo, sia negli Stati Uniti che in Italia. In Giappone una versione del flipper chiamata ‘pachinko’ scatenò una vera e propria ondata di ludopatia. Oggi soppiantato dai videogiochi e dai videopoker, non lo si trova più facilmente nei locali pubblici se non quelli con un’atmosfera vintage. Ma nello Spazio Tilt di Via Stalingrado a Bologna è possibile ritornare ragazzini, percorrendo i pochi metri nei quali sono compattati decine di biliardini elettronici d’epoca.

Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100